VACCINARE IL DOLLARO MALATO E ANCHE LA STERLINA

G20: i maggiordomi di Big Pharma

Marco Bersani (Attac - Italia)

“In molte economie avanzate la pandemia è sempre più sotto controllo, ma purtroppo non è così nei Paesi più poveri del mondo. Ci sono state delle enormi disuguaglianze in termini di accesso ai vaccini. La ripresa globale è caratterizzata dalle stesse disparità. Dobbiamo fare di più, molto di più per aiutare i Paesi più bisognosi”. Così si esprimeva il Presidente del Consiglio Draghi pochi giorni prima della riunione del G20 sulla salute.

Una sola salute” aveva chiosato a ruota il ministro Speranza.

Parole in libertà, perché quando si è trattato di passare ai fatti, ovvero decidere la sospensione dei brevetti sui vaccini come richiesto da oltre 100 paesi del sud del mondo, ecco i rappresentanti dei governi dei paesi più ricchi, allineati e coperti, trasformarsi in maggiordomi delle imprese multinazionali del farmaco.

Non sia mai che dopo aver speso centinaia di miliardi pubblici per la ricerca dei vaccini, adesso si pensi di impedire i profitti privati, in nome di un generico diritto alla salute!

Per le multinazionali di Big Pharma il meccanismo è tanto diabolico quanto perfetto.

meccanismo tanto diabolico quanto perfetto

La pandemia richiede i vaccini; data l’enorme domanda e il possesso esclusivo dei brevetti il prezzo dei vaccini sale alle stelle; i paesi ricchi pagheranno fino all’ultimo centesimo, i paesi poveri non potranno far nulla; ma se i paesi poveri non potranno accedere ai vaccini, allora il virus continuerà a circolare, producendo varianti, che richiederanno nuove dosi se non addirittura nuovi vaccini, in un infinito gioco dell’oca che produrrà milioni di morti nei paesi poveri e una “convivenza” perenne col virus nei paesi ricchi, con enormi spese per ogni ciclo vaccinale, che diventano lauti profitti per le multinazionali. […]

——————————————————————————————————————————————————————————-
Fai qualcosa subito!

Il link apre in nuova scheda dal server delle iniziative civiche nell’Unione Europea: eci.ec.europa.eu

Visita INIZIATIVA DEI CITTADINI EUROPEI – Diritto alle cure

Sostieni questa iniziativa proposta da cittadini dell’Unione Europea

Dati richiesti: Nome completo, numero di carta d’identità o passaporto.

Firmatari a oggi: 216.137 / 1.000.000
Fine del periodo di raccolta: 01/08/2022

Testo da sottoscrivere:
Obiettivi
Visto il trattato sul funzionamento dell’Unione europea, in particolare gli articoli 114, 118 e 168, chiediamo alla Commissione europea di proporre una normativa intesa a:
– garantire che i diritti di proprietà intellettuale, compresi i brevetti, non ostacolino l’accessibilità o la disponibilità di qualsiasi futuro vaccino o trattamento contro la COVID-19;
– garantire che la legislazione dell’UE in materia di esclusività dei dati e di mercato non limiti l’efficacia immediata delle licenze obbligatorie rilasciate dagli Stati membri;
– introdurre obblighi giuridici per i beneficiari di finanziamenti dell’UE per quanto riguarda la condivisione di conoscenze in materia di tecnologie sanitarie, di proprietà intellettuale e/o di dati relativi alla COVID-19 in un pool tecnologico o di brevetti;
– introdurre obblighi giuridici per i beneficiari di finanziamenti dell’UE per quanto riguarda la trasparenza dei finanziamenti pubblici e dei costi di produzione e clausole di trasparenza e di accessibilità insieme a licenze non esclusive.”

25 settembre 2021