La ragione degli altri: pensieri da Pechino e da Mosca

Editorialista del Global Times; Fyodor Lukyanov per RT. Con una nota introduttiva della redazione di Trancemedia.eu - Con aggiornamento 5 marzo da Xinhua.

LA RAGIONE DEGLI ALTRI – È il titolo di una commedia drammatica borghese di Luigi Pirandello (1895), che richiama le sofferenze del presente e i presagi per il domani, attraverso una miniatura. La commedia narra di un’agiata coppia senza figli, la ricca Livia e Leonardo, nobile decaduto e narciso. Egli ha un’amante, Elena, e ha avuto una bambina da lei. Livia si mostra a lungo tollerante e permette al marito di condurre un’esistenza pendolare; così i due si riconciliano. Usando la forza finanziaria e lo status sociale, i coniugi forzano Elena a rinunciare alla bimba, a subire «la ragione degli altri». Il denaro e l’apparente rispettabilità sopprimono le ragioni più profonde della parte sconfitta.
Il dramma rappresenta una guerra secondo la classica definizione di Carl von Clausewitz, un atto di forza che ha per scopo costringere l’avversario a sottomettersi alla nostra volontà, però mai dichiarata né combattuta in modo tradizionale: è guerra asimmetrica, condotta usando armi non reciprocamente comparabili, basate sulle diseguaglianze e sulle tecniche comunicative.
[In rete è visibile l’eccellente realizzazione di teatro televisivo diretta da Andrea Camilleri nel 1985, con Lina Sastri]

Con questa “ragione degli altri” proponiamo due autorevoli punti di vista esistenti in Eurasia, non su un altro pianeta, eppure sconosciuti perché distorti sistematicamente in Occidente. Sarà utile tenerli presenti da qui in poi, quando si raffredderanno gli spiriti bollenti di questo mondo “ricco” che finge d’indignarsi dopo essere stato maestro di invasioni, illegali secondo il diritto internazionale e il buon senso umano. Di un mondo anglosassone che ha preparato, forzato, esasperato un conflitto regionale nel mondo slavo, sul quale oggi lucra a spese della popolazione del pianeta. Con i saluti anche all’Art. 11 del Draghistan.

Goodbye for ever and ever.

In un quadro per nulla edificante come quello in cui tutti siamo immersi, pubblichiamo questi due contenuti dissonanti rispetto a quanto dobbiamo ascoltare dai media. Con buona volontà verso tutti, a cominciare dalla popolazione ucraina, ci auguriamo che siano respinti dal buon senso gli onnipresenti (grazie Rai) discorsi suprematisti e guerrafondai delle voci ufficiali di Washington e di Londra. Ci auguriamo che possano realizzarsi al più presto gli inviti al dialogo costruttivo dell’editorialista di Global Times. Quanto alla greve riflessione di Lukyanov, senza ipocrisia, la comprendiamo – perché il nostro allenamento a distanziarci dai media dominanti ci permette di ricordare nitidamente il bombardamento di Belgrado, l’invasione dell’Iraq e del Kossovo, l’Afghanistan nelle sue tre lunghe stagioni, il finanziamento in dollari e l’armamento dell’estremismo islamista, l’aggressione alla Libia, l’espansione globale della Nato. Ci auguriamo che Lukyanov abbia a cuore il bene dell’umanità e del pianeta, quando afferma che la crisi in corso stimolerà lo sviluppo in certi modi e lo rallenterà in altri. Oportet ut scandala eveniant, ma su, passiamo oltre, mettiamo gli scarponi da lavoro nella necessaria e utile decrescita armoniosa e innovativa ed egualitaria, la missione ora imprescindibile per ogni società e per qualsiasi cultura.

La redazione di Trancemedia.eu

______________________________________________________

Washington non dovrebbe costruire un nuovo ‘muro di Berlino’ in Ucraina:
Editoriale del Global Times

Pechino, 3 Marzo 2022

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden martedì sera ha tenuto il suo primo discorso sullo stato dell’Unione da quando ha assunto l’incarico. Fin dall’inizio del suo discorso, si è rivolto ai legislatori statunitensi sulla crisi ucraina usando parole sensazionali e ha definito il conflitto regionale, che ha un complesso contesto storico, come una “battaglia tra democrazia e autocrazia”.

Biden ha condannato la Russia in termini forti e ha sottolineato le ampie sanzioni che l’Occidente ha imposto alla Russia e l’unità dell’Occidente contro la Russia. Molti media hanno notato che durante il discorso di più di un’ora, questo è stato l’unico punto in cui Biden ha ricevuto applausi da entrambe le parti.

Nel suo discorso, Biden ha descritto il popolo ucraino come “un muro di forza” contro la Russia. Questo ricorda facilmente alla gente il famoso muro di Berlino durante l’era della guerra fredda. Dobbiamo chiederci: Washington vuole che l’Ucraina diventi quel muro alto? La narrazione di Biden suonava contagiosa e adatta al gusto del suo pubblico statunitense e occidentale, soprattutto quando si rivolgeva ai membri del Congresso degli Stati Uniti; ma non supera un attento esame e non è di aiuto per risolvere la crisi attuale. Al contrario, è piuttosto pericoloso e merita alta vigilanza perché tale narrazione trascinerà il mondo in un’altra guerra fredda o addirittura in una guerra calda su larga scala.

Più Washington mostra la sua determinazione a vincere, più sarà dannosa per risolvere il problema.

Mostra anche chiaramente la prospettiva di Washington sulla crisi ucraina: il mondo pluralistico è semplificato in una confrontazione tra diverse ideologie. Più Washington mostra la sua determinazione a vincere, più sarà dannosa per risolvere il problema. Perché molto probabilmente significa che finché Washington “non è soddisfatta”, non importa quanti sforzi facciano l’ONU e le altre parti, sarà difficile che il conflitto raggiunga un atterraggio morbido. Tuttavia, è inconcepibile e impossibile per gli Stati Uniti trasformare la Russia, un paese di più di 17 milioni di chilometri quadrati e con 140 milioni di persone, in una “isola solitaria del mondo”. Se Washington insiste nel cercare di raggiungere un tale risultato, approfondirà sostanzialmente le divisioni e l’antagonismo nel mondo.

Liu Rui – Global Times 3 marzo 2022. Apre in nuova scheda.

I presidenti degli Stati Uniti originariamente riferiscono i risultati del loro lavoro e i piani politici al Congresso nei loro discorsi sullo stato dell’Unione. Al fine di ottenere il sostegno dei membri del Congresso, tale discorso è altamente performativo, il che lo espone al rischio di aggravare i conflitti in periodi storici speciali. Per esempio, la “Dottrina Monroe” fu generata in un discorso sullo stato dell’Unione molto incendiario, come l’ex presidente Ronald Reagan espose le sue politiche contro “l’impero del male” sovietico in un suo discorso sullo stato dell’Unione. Con la crisi ucraina che ha colpito il panorama globale, è ancora abbastanza incerto se diventerà un altro spartiacque di trasformazione del modello internazionale. Ma il discorso sullo stato dell’Unione di martedì ha rilasciato un messaggio piuttosto inquietante.

Alcuni credono che dopo la crisi ucraina, il divario tra le grandi potenze potrebbe diventare una “zona ad alto rischio” per i conflitti locali. Il mondo non sarà pacifico se ogni attrito tra le grandi potenze si trasforma in un completo scontro ideologico, con l’aspettativa di “sconfiggere l’altro” o addirittura “una lotta di vita o di morte”. Se la pretesa di Washington di “stare con il popolo ucraino” è sincera, per favore smettete di cercare di trasformare il conflitto Russia-Ucraina in una battaglia di vita e di morte tra “libertà” e “autocrazia”. Non trasformate un conflitto regionale nel gioco finale tra “noi” e “loro” aggiungendo benzina al fuoco, e tanto meno trasformando l’Ucraina in un muro che divide l’Est e l’Ovest. L’Ucraina avrebbe dovuto essere un ponte attraverso l’Eurasia, e il suo popolo non avrebbe dovuto essere vittima dell’ideologia e dell’espansionismo militare di Washington.

incontrarsi a metà strada sulla pace e lo sviluppo

Tuttavia, i temi riguardanti l’economia e il sostentamento della gente, come la pandemia e l’inflazione, hanno rappresentato la maggior parte del discorso di Biden. A questo proposito, le persone di tutto il mondo hanno interessi comuni. Anche se il mondo attuale è lontano dall’essere pacifico e l’umanità sta ancora affrontando molte sfide gravi, la pace e lo sviluppo sono i temi dei tempi. Speriamo che tutti i paesi, specialmente le grandi e forti potenze, possano assumere un atteggiamento responsabile verso il mondo, e incontrarsi a metà strada sulla pace e lo sviluppo invece di muoversi in direzioni opposte.

Versione originale in: https://www.globaltimes.cn/page/202203/1253784.shtml
____________________________________________________________________________

Fyodor Lukyanov: La fine di un’era
La pagina della cooperazione con l’Occidente è stata ‘voltata’

di Fyodor Lukyanov, caporedattore sezione Russia in Global Affairs,
presidente del Consiglio di Politica Estera e Difesa (Federazione Russa),
direttore di ricerca al Valdai International Discussion Club.

Mosca, 1 Marzo 2022

L’intervento militare della Russia in Ucraina ha segnato la fine di un’epoca nello stato degli affari globali dopo che il presidente Vladimir Putin ha lanciato l’azione la scorsa settimana. Il suo impatto si sentirà per anni a venire, ma Mosca si è posizionata per “diventare un agente di cambiamento cardinale per il mondo intero”.

L’operazione delle forze armate russe in Ucraina segna la fine di un’era. Iniziò con la caduta dell’Unione Sovietica e la sua dissoluzione nel 1991, quando una struttura bipolare abbastanza stabile fu rovesciata da quello che alla fine è stato conosciuto come ‘Ordine Mondiale Liberale’. Questo ha spianato la strada agli Stati Uniti e ai loro alleati per giocare un ruolo dominante nella politica internazionale incentrata sull’ideologia universalista.

La crisi si manifestò tempo fa e non ci fu vera resistenza da parte di grandi potenze insoddisfatte della loro posizione nel nuovo campo di gioco politico. Infatti, per un periodo abbastanza lungo (almeno un decennio e mezzo), non c’è stata praticamente nessuna opposizione. I paesi non-occidentali, specie Cina e Russia, si sforzarono di integrarsi nella gerarchia. Pechino non solo è riuscita a farlo, ma si è valsa della situazione per diventare un attore dominante. Mosca, invece, ne uscì molto peggio e prese più tempo per adattarsi a questo nuovo ordine mondiale e per cementare un posto rispettabile nei suoi ranghi.

sistema inflessibile e insieme traballante

Il sistema si rivelò inflessibile e insieme traballante, poiché escludeva concettualmente qualsiasi bilanciamento di potere. Ancora più importante, però, non permetteva un livello sufficiente di diversità culturale e politica, che è intrinsecamente essenziale per il funzionamento sostenibile del mondo. Una visione del mondo uniforme che escludeva tutte le altre veniva imposta con vari mezzi, tra cui l’atteggiamento verso l’attività militare.

L’operazione russa è un’immagine speculare di ciò che gli Stati Uniti e i loro alleati hanno fatto più di una volta negli ultimi decenni in diverse parti del mondo.

Come dice la leggenda, lo zar Pietro il Grande fece un brindisi ai suoi ‘maestri svedesi’ dopo la battaglia di Poltava nel 1709. Ora, l’attuale leadership russa può anche dire di aver imparato molto dall’Occidente. Nelle azioni della Russia in Ucraina, è facile individuare elementi – da quelli militari a quelli informativi – che erano presenti nelle campagne dell’America e della NATO contro la Jugoslavia, l’Iraq e la Libia.

Le tensioni sono in ebollizione da tempo, e l’Ucraina è ora diventata il fronte decisivo. Questa non è una battaglia ideologica come quella della seconda metà del ventesimo secolo. L’egemonia mondiale è attualmente messa in discussione a favore di un modello molto più distribuito. Il vecchio concetto di ‘sfere d’influenza’ della Guerra Fredda non è più applicabile perché il mondo è diventato molto più trasparente e interconnesso, rendendo l’isolamento possibile solo in misura limitata. Almeno, questo è quello che abbiamo pensato – fino ad ora.

Come è spesso accaduto in passato, l’attuale lotta viene condotta per un territorio strategicamente importante. Il vecchio adagio ‘la storia si ripete’ è evidente quando si passa da un media all’altro. Due diversi approcci si sono scontrati. Da un lato, c’è l’esercizio del classico hard power, che è guidato da principi semplici, non raffinati, ma chiaramente comprensibili – sangue e suolo. Dall’altra c’è un metodo moderno di propagazione degli interessi e dell’influenza, realizzato attraverso un insieme di strumenti ideologici, comunicativi ed economici, che sono efficaci e, allo stesso tempo, malleabili – comunemente chiamati ‘valori’.

What are the latest events of the Russia-Ukraine conflict? – CGTN Dialogue, 3 marzo 2022 (emissione apre in nuova scheda)

A partire dalla guerra fredda, il più moderno di questi approcci è stato quasi sempre il metodo da adottare. Chiamiamolo con il nome alla moda – ma impreciso – di ‘guerra ibrida’. Essa, per lo più, non ha mai tuttavia incontrato seria resistenza, per non parlare di confronto armato diretto.

L’Ucraina 2022 è la prova decisiva che dimostrerà quale di questi approcci regnerà vittorioso. In questo senso, sono corretti quelli che sospettano conseguenze molto più profonde di quanto previsto.

La pagina della cooperazione con l’Occidente è stata voltata.

La leadership russa, che ha deciso passi estremamente drastici, probabilmente ha capito le conseguenze, o addirittura aspirava consapevolmente ad esse. La pagina della cooperazione con l’Occidente è stata voltata. Questo non significa che l’isolazionismo diventerà la norma, ma segna la fine di un importante capitolo storico nelle relazioni politiche. La nuova guerra fredda non finirà rapidamente.

stimolerà lo sviluppo in certi modi, e lo rallenterà in altri

Dopo un certo tempo, gli effetti che l’attuale operazione militare ha causato cominceranno molto probabilmente a placarsi, e alcune forme di interazione riprenderanno, ma la linea è stata inevitabilmente tracciata. Anche in uno scenario favorevole, ci vorranno molti anni prima che le sanzioni vengano rimosse e i legami vengano gradualmente e selettivamente ripristinati. Ristrutturare le priorità economiche richiederà un approccio diverso, che stimolerà lo sviluppo in certi modi, e lo rallenterà in altri. La parte più attiva della società russa dovrà realizzare che il vecchio modo di vita è andato.

Il ‘Forte Russia’ ha deciso di mettere il proprio vigore in questa prova e, nello stesso tempo, è diventato un agente di cambiamento cardinale per tutto il mondo.

Versione originale in: https://www.rt.com/russia/550873-ukraine-action-end-era/
____________________________________________________________________________

Aggiornamento 5 marzo 2022

FM cinese tiene colloqui telefonici con il segretario di stato americano su legami bilaterali, Ucraina
6 marzo 2022

PECHINO, 5 marzo (Xinhua) — Il Consigliere di Stato cinese e Ministro degli Esteri Wang Yi sabato ha avuto una conversazione telefonica con il Segretario di Stato americano Antony Blinken sulle relazioni tra Cina e Stati Uniti e sulla questione dell’Ucraina su richiesta di quest’ultimo.

Wang ha detto che al momento, la massima priorità nelle relazioni tra Cina e Stati Uniti è ancora quella di avanzare e attuare il consenso raggiunto dai due capi di stato nel loro video incontro, aggiungendo che la Cina esprime grave preoccupazione per le recenti parole e azioni degli Stati Uniti che vanno contro l’obiettivo di cui sopra.

Taiwan è una parte inalienabile del territorio cinese, e la questione di Taiwan è un affare interno della Cina, ha detto Wang, esortando gli Stati Uniti a tornare al vero significato del principio di una sola Cina, smettere di incoraggiare e sostenere le mosse di “indipendenza di Taiwan”, smettere di interferire negli affari interni della Cina, e salvaguardare la situazione generale delle relazioni Cina-USA con azioni concrete.

Le due parti hanno scambiato opinioni sull’Ucraina.

Blinken ha informato la parte cinese sui punti di vista e la posizione degli Stati Uniti sulla situazione attuale in Ucraina. Wang ha detto che l’evoluzione della questione ucraina è qualcosa che la Cina non vuole vedere.

La questione dell’Ucraina è complicata, ché non solo riguarda le norme fondamentali delle relazioni internazionali, ma è anche strettamente legata agli interessi di sicurezza di varie parti, ha detto Wang, sollecitando a concentrarsi non solo sulla soluzione della crisi attuale, ma anche sul mantenimento della stabilità a lungo termine della regione.

Come membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, la Cina forma sempre la propria posizione e la propria politica in base ai meriti della questione stessa, ha detto Wang, aggiungendo che la Cina ritiene che la crisi ucraina dovrebbe essere risolta in conformità con gli scopi e i principi della Carta delle Nazioni Unite.

In primo luogo, la sovranità e l’integrità territoriale di tutti i paesi dovrebbe essere rispettata, ha detto Wang. In secondo luogo, ha chiesto la risoluzione pacifica delle controversie attraverso il dialogo.

Wang ha detto che la parte cinese spera che i combattimenti si fermino il più presto possibile, che la situazione sul terreno si alleggerisca, che la sicurezza dei civili e delle proprietà sia effettivamente garantita, e che si eviti una crisi umanitaria su larga scala.

Wang ha sottolineato che la crisi ucraina può essere risolta solo attraverso il dialogo e i negoziati.

La parte cinese sostiene ogni sforzo per la de-escalation e la soluzione politica della situazione, mentre si oppone a tutte le mosse che sono contrarie alla promozione di una soluzione diplomatica e aggiungono carburante alle fiamme, ha detto.

La Cina continuerà a parlare e a fare del suo meglio per la pace, ha detto Wang, aggiungendo che la Cina incoraggia i negoziati diretti tra Russia e Ucraina.

Anche se i negoziati potrebbero non andare lisci, ha detto, la comunità internazionale dovrebbe continuare a cooperare e sostenere tali sforzi fino a quando i risultati e la pace saranno raggiunti.

La parte cinese, ha detto Wang, incoraggia anche gli Stati Uniti, l’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico (NATO), e l’Unione europea ad impegnarsi in un dialogo paritario con la Russia, affrontare gli attriti e i problemi accumulati nel corso degli anni, prestare attenzione all’impatto negativo della continua espansione verso est della NATO sulla sicurezza della Russia, e cercare di costruire un meccanismo di sicurezza europeo equilibrato, efficace e sostenibile in conformità con il principio di “indivisibilità della sicurezza”.

Le due parti hanno anche scambiato opinioni sull’attuale situazione della penisola coreana. Enditem

Tradotto con www.DeepL.com/Translator

Versione originale in: http://www.china.org.cn/world/Off_the_Wire/2022-03/06/content_78089703.htm

____________________________________________________________________________

…dai tempi che furono

Москва–Пекин / 莫斯科—北京 – Moscow–Beijing

Canzone del 1949, con cui l’URSS salutava la costituzione della Repubblica Popolare Cinese. Musica di Vano Muradeli (ვანო მურადელი), testo di Mikhail Vershinin (Михаил Вершинин). Interpreti: pionieri dell’epoca.

 

3 marzo 2022