Doriella e Renato, newslettera 10 marzo 2022: appuntamenti e documenti

La newsletter di DORIELLA E RENATO,
la pagina lunga,
arriva su Trancemedia.eu ogni settimana!
Da dieci anni aiuta chi la segue
a disintossicare le sinapsi
con un’agenda di movimento e rassegne stampa


DORIELLA E RENATO

La pagina lunga che vi dice tutto dal 10 marzo 2022

Centottava uscita su Trancemedia.eu – che dedica ogni settimana un “sotto il Moloch” per seguire online la Newslettera di Doriella e Renato, con appuntamenti e iniziative di movimenti in tutta Italia.

Trovate qui sotto ogni settimana a partire dal giovedì un accurato calendario con data, luogo e contenuti di convegni informativi, presìdi per la lotta climatica e di solidarietà in concomitanza di processi contro chi resiste a grandi opere dannose, inutili e imposte a Torino e nel resto d’Italia, assemblee di movimento per l’auto-organizzazione, lotte dei lavoratori nelle fabbriche e nella logistica, proiezioni di film ‘invisibili’, eventi culturali.

Da più di dieci anni la newsletter di Doriella e Renato fa circolare l’informazione che non trova spazio sui media mainstream, o che da essi viene stravolta. Molti contenuti di Trancemedia.eu sono nati grazie a Doriella e Renato, appuntamenti, manifestazioni, dibattiti di cui non avremmo saputo nulla e che invece abbiamo potuto documentare o commentare.

Non potrete più dire: acc… se l’avessi saputo!

Nella sezione conclusiva, in formato PDF scaricabile, troverete:

  • aggiornamenti su iniziative passate;
  • misure anti-covid, dibattito e opposizione;
  • rassegna stampa relativa alla settimana precedente;
  • appelli e petizioni nazionali e internazionali.

Preparatevi a ‘scrollare’ verso il basso perché c’è davvero tanta informazione ben selezionata.

Buona lettura a tutte e tutti!

 

EXTRA!  La redazione di Trancemedia.eu segnala che, in altre pagine  del sito, sono presenti quattro contenuti “freschi” per chi non riesca ad accontentarsi del pensiero unico sul conflitto in Ucraina:

  1. l’editoriale non firmato del Global Times di giovedì 10 marzo, intitolato Europa aguzzi lo sguardo per vedere attraverso lo strappalacrime USA (nostra traduzione);
  2. l’intervista di L’AntiDiplomatico a Lidia Undiemi (11 marzo) che completa l’editoriale di cui sopra con una puntualizzazione su costo della vita e costo del lavoro in Italia ed Europa;
  3. la presentazione di un interessante articolo del 9 marzo di Maurizio Vezzosi sull’uccisione di un negoziatore ucraino da parte di un servizio segreto ucraino;
  4. il verbale (nostra traduzione) di una conversazione di Vladimir Putin con donne-pilota dell’aviazione civile russa, dal cui testo abbiamo appreso che la nuova Costituzione ucraina conterrebbe l’adesione alla NATO: tutti questi link aprono in nuova scheda.

 



QUESTA SETTIMANA

Antimilitarismo, Guerra in Ucraina,
GKN, NO TAV, Extinction Rebellion,
Fridays For Future, Carcere,
Valsusaliberfest, Lavoro,
Barocchio, Comitato 27 F

LUNEDÌ 28 FEBBRAIO È STATO ARRESTATO E PORTATO NEL CARCERE DELLE VALLETTE IL NO TAV STEFANO MANGIONE, condannato a 1 anno e 6 mesi per resistenza aggravata per i fatti accaduti il 26 luglio 2013 durante un presidio davanti al Tribunale di Torino in solidarietà con una compagna NO TAV pisana, Marta Camposano, arrestata una settimana prima in una manifestazione al cantiere della Clarea di Chiomonte, che aveva denunciato di aver subito violenze e molestie sessuali da parte delle forze dell’ordine dopo il fermo.
Quella mattina ci furono dei momenti di tensione tra i solidali in strada che cercavano di appendere uno striscione e la polizia, molti NO TAV sono stati denunciati.
VIDEO DI QUEL GIORNO: https://www.youtube.com/watch?v=84yuLWM39jA
IL 24 MARZO 2016 È STATA EMESSA LA SENTENZA DEL PROCESSO A CARICO DI SEI NO TAV IMPUTATI PER IL PRESIDIO del 26 luglio 2013.
24 marzo 2016 NOTAV Info:
“LA GIUSTIZIA SECONDO IL TRIBUNALE DI TORINO (SULLA SENTENZA PRESIDIO PER MARTA)
https://www.notav.info/post/la-giustizia-secondo-il-tribunale-di-torino-sulla-sentenza-presidio-per-marta/

3 marzo 2022 NOTAV Info:
“LIBERTÀ PER STEFANO!
… Stefano è un giovane generoso e coraggioso che, da diversi anni, partecipa alle tante iniziative organizzate dal movimento No Tav
e che si ritrova oggi al carcere delle Vallette di Torino con una condanna di resistenza aggravata.
In occasione di un interrogatorio in cui Marta, un’attivista molestata dalla polizia durante il suo arresto in Val Clarea e poi finita sui banchi del tribunale per resistenza
, Stefano insieme ad altre/i No Tav aveva cercato di appendere uno striscione sulla ringhiera del tribunale, durante un presidio di solidarietà organizzato dal movimento No Tav, fuori dal Palazzo di Giustizia di Torino
Anche questa volta non ci stiamo e ci prepariamo a sostenere anche Stefano perché nessuna/o resti sola/o in questo percorso verso la libertà.
Scriviamo a Stefano e facciamogli sentire tutta la nostra solidarietà!
STEFANO MANGIONE
CASA CIRCONDARIALE LORUSSO E CUTUGNO
VIA MARIA ADELAIDE AGLIETTA, 35 10151 – TORINO (TO)
Libertà per Stefano! Libertà per le/i No Tav!”
https://www.notav.info/post/liberta-per-stefano/

COMITATO EMILIO LIBERO”
per monitorare la situazione di Emilio Scalzo, estradato in Francia il 3 dicembre, detenuto in carcere a Aix-Luynes fino a venerdì 11 febbraio, quando la Corte di Appello di Grenoble ha accettato le istanze degli avvocati e ha revocato il mandato di arresto europeo, sembra per un vizio di forma.
Resta in attesa del processo con obbligo di dimora e di firma settimanale in una località francese vicina ad Aix-en-Provence nel dipartimento delle Bocche del Rodano.
I NO TAV sabato 12 febbraio sono già andati ad abbracciarlo!
https://www.facebook.com/comitatoemiliolibero/ 

PROSSIME INIZIATIVE PROGRAMMATE

VERSO IL 26 MARZO A FIRENZE

PROSEGUE “INSORGIAMO TOUR GKN”
Dopo il 5 febbraio presidio Caterpillar a Jesi, il 6 febbraio a Bologna, l’11 febbraio a Bari, il 12 febbraio a Lecce, il 13 febbraio a Taranto, 17 Sesto Fiorentino, 18 mobilitazione studentesca nazionale, 19 assemblea studentesca ad Empoli, 18-19 Stati generali della scuola, 19 Cosenza, 19 presidio a Firenze contro le morti sul lavoro, 20 Cariati (Cosenza), 22 Udine, 23 presentazione rivista Jacobin a Milano, 23 Padova, 25 Perugia e Foligno, 25, 26, 27 FORUM DELLA CONVERGENZA a Roma, 2 marzo Coiano (Prato), 3 marzo Firenze e Viareggio, 4 Casentino antifa, Firenze Le Piagge, Mantova e Viterbo, 5 Napoli, Pavia, Firenze e Roma, 6 San Vito Chietino, 8 sciopero transfemminista.

Prossime date di MARZO:
11 marzo Siena, 12 Milano antifafesta e Torino (VEDI INFRA), 13 assemblea delle reti ambientaliste toscane, 16 Piombino, 17 Empoli, 17 e 18 Firenze concerto e assemblea in ricordo di Lorenzo Orsetti, 18 Livorno, 19 Roma, 20 Teatro Dante Campi Bisenzio, 21 marzo Sala CAP Genova, 22 giornata mondiale dell’acqua (pubblica, 25 SCIOPERO INTERNAZIONALE PER IL CLIMA.
Collettivo di Fabbrica – Lavoratori GKN Firenze
https://www.facebook.com/coordinamentogknfirenze/videos/475709554030333

CONTINUA LA MOBILITAZIONE CONTRO L’OCCUPAZIONE DELLE TERRE DEL PRESIDIO EX-AUTOPORTO A SAN DIDERO, per contrastare la preparazione del cantiere per costruire UN NUOVO AUTOPORTO e spostare quello attuale a Susa per lasciare il posto a opere per la Nuova Linea Torino Lione.
47a SETTIMANA DI INIZIATIVE AL NUOVO PRESIDIO A SAN DIDERO!
(VEDI INFRA le iniziative in programma e in RASSEGNA STAMPA / AGGIORNAMENTI IN EVIDENZA i report della resistenza NOTAV).
CONTROLLATE LE INIZIATIVE IN PROGRAMMA PRIMA DI PARTECIPARE E SEGUITE GLI AGGIORNAMENTI SU:
https://www.notav.info/post/presidio-di-san-didero-appuntamenti-della-settimana/
https://www.facebook.com/Presidio-ex-autoporto-di-San-Didero-106691468062035
https://www.facebook.com/notav.info

GIOVEDÌ 10 MARZO
ORE 11.30 Nuovo Presidio No Tav di San Didero, loc. Baraccone, s.s.25, San Didero
APERIPRANZO NO TAV A CURA DEL GRUPPO “FOGLI DI VIA”
https://www.notav.info/post/presidio-di-san-didero-appuntamenti-della-settimana/

ORE 10 di fronte all’auditorium dell’Energy Center del Politecnico, Via Paolo Borsellino 38/16, Torino
PRESIDIO ANTIMILITARISTA: “SPEZZIAMO LE ALI AL MILITARISMO!”
“Nell’auditorium si svolgerà un convegno dal titolo “Il futuro dell’aerospazio: opportunità di sviluppo per le PMI nella filiera”, cui interverranno rappresentanti del Politecnico e delle maggiori industrie belliche del settore: Leonardo, Avio Aero, Thales Alenia Space, Mecaer con l’introduzione della presidente del Distretto Aerospaziale del Piemonte.
Questo convegno è solo un ulteriore tassello del mosaico che vede al centro uno strettissimo intreccio di interessi tra il Politecnico torinese e l’industria aerospaziale di guerra, che troverà il suo culmine nella realizzazione della Città dell’Aerospazio che sorgerà nell’area tra Corso Marche e Corso Francia, in un’area di proprietà di Leonardo…
La NATO si prepara a sbarcare a Torino?
La notizia della candidatura di Torino ad ospitare la sede di un acceleratore d’innovazione nel campo della Difesa e l’ufficio regionale per l’Europa del Defence Innovation Accelerator for the North Atlantic (D.I.A.N.A) della NATO è passata come sempre in sordina…
Per fermare la guerra non basta un no. Occorre incepparne i meccanismi, partendo dalle nostre città, dal territorio in cui viviamo.
Bloccare la nuova Cittadella dell’Aerospazio, impedire lo sbarco a Torino dell’ufficio europeo di DIANA, opporsi a trasformare Torino in uno dei nodi della rete mondiale di acceleratori di innovazione al servizio della NATO
è una scommessa importante da praticare. Specie oggi che una guerra dalle conseguenze imprevedibili infuria nel cuore d’Europa.
VEDI:”L’INNOVAZIONE DELLA NATO A TORINO?”
https://formiche.net/2022/01/torino-hub-nato-diana/)….”
Assemblea Antimilitarista – Torino
https://facebook.com/events/s/spezziamo-le-ali-al-militarism/460216162404002/

FUORI LA GUERRA DALLE UNIVERSITÀ! TOCCA A NOI FERMARLI!
PRESIDIO DAVANTI ALL’AUDITORIUM ENERGY CENTER DEL POLITECNICO
“Le allarmanti decisioni prese in questi giorni come l’invio 4000 soldati al fianco della NATO o i 174,4 milioni di euro stanziati per l’invio di armi all’Ucraina fino allo Stato di Emergenza annunciato da Draghi e sottoscritto da tutte le forze politiche e il conseguente passaggio a un’economia di guerra, ci dicono chiaramente che per la nostra classe politica l’Italia è già in guerra…
Come abbiamo fatto di fronte ai criminali accordi tra Frontex e Politecnico, dobbiamo mobilitarci contro la salda collaborazione tra la ricerca pubblica e l’industria bellica per contrastare la guerra con ogni mezzo necessario”.
Evento di Cambiare Rotta Torino
https://www.facebook.com/events/1273852253100556?ref=newsfeed

FERMIAMO L’ALTA VELOCITÀ VERSO LA GUERRA
PRESENZA NO TAV ALLE INIZIATIVE CITTADINE CONTRO LA GUERRA
“Con l’iniziativa pubblica tenutasi nel luglio del 2021 “IL TAV ALL’INTERNO DEI CORRIDOI DI MOBILITÀ MILITARE EUROPEA”, abbiamo voluto mettere in evidenza il fatto che l’Alta Velocità Torino-Lione, oltre ad essere una grande opera estremamente dannosa e impattante a livello sociale, ambientale e sanitario, è in realtà un’opera che ha un’importanza rilevante anche a livello militare, in quanto fa parte dei corridoi di mobilità militare europea (TEN-T) che sono estremamente strategici tanto per l’Unione Europea quanto per la NATO, al fine di garantire il veloce spostamento di mezzi pesanti per il continente in caso di teatri di guerra.
Qui il VIDEO dell’incontro completo:
https://www.facebook.com/NoTavTorinoeCintura/videos/2947695842142393/
Le vicende di guerra che si susseguono in questi giorni in Europa, con l’invasione russa dell’Ucraina, e il riaccendersi in modo preoccupante dei toni bellici in tutto il continente rendono fondamentale un’opposizione antimilitarista al TAV in quanto opera strategica militare, oltre ad una forte presa di posizione del movimento No Tav contro la guerra e contro il crescente militarismo e interventismo dei nostri governi.
Con il precipitare della crisi militare in Ucraina e la violenta reazione dei governi dell’Unione Europea che stanno attuando una precipitosa corsa alle armi (e tra questi l’Italia che ha attuato nuovamente lo Stato di Emergenza per permettere la vendita di armi all’Ucraina), parlare di infrastrutture di mobilità militare europea non appare più come qualcosa proiettato in un indefinito futuro ma di drammaticamente attuale…”
https://www.facebook.com/NoTavTorinoeCintura/posts/386289973308333

ORE 13-14.30 sulle frequenze radiofoniche torinesi dei 105:250 FM di #radioblackout
e in streaming
http://stream.radioblackout.org/
RADIO NO TAV
“Va in onda ogni giovedì. Il programma ha origine come Radio Maddalena Libera, radio pirata che emetteva dalla Libera Repubblica della Maddalena, Val Susa, pianeta Terra.
Stralci dell’epoca potete sentirli nella sigla iniziale…
Ogni settimana approfondiamo avvenimenti di attualità sulla lotta e cerchiamo di socializzare
tutte le informazioni utili a chi si batte contro il treno veloce, in Valsusa e altrove.
Sul sito potete trovare un buon archivio, ordinato tramite tag
, con le registrazioni delle trasmissioni di questi ultimi anni…
Potete contattare la redazione al nostro numero 377 086 24 41 attivo durante il programma.”
https://gancio.cisti.org/
radioblackout.org/shows/radionotav/

VENERDÌ 11 MARZO
ORE 14.45 Piazza Castello, Torino, davanti a Palazzo Madama
BICICLETTATA PER LE VIE DI TORINO
ORE 16.30 presso Comala, Corso Ferrucci 65, Torino
ASSEMBLEA FRIDAYS FOR FUTURE TORINO
TRE SETTIMANE DI INIZIATIVE PRIMA DEL GLOBAL STRIKE DEL 25 MARZO:
assemblee, aperitivi e biciclettate per confrontarci e costruire insieme la giornata di mobilitazione per il clima.
Segnatevi tutti gli incontri: la partecipazione di ognuno è fondamentale!”
https://www.facebook.com/F4Fturin/photos/a.487488778464685/1067392043807686/

ORE 18.30 Casa del Quartiere di San Salvario, Via Oddino Morgari 14 – Torino
APEXRITIVO CON EXTINCTION REBELLION TORINO
“In questi giorni attraversati da conflitti, l’allarme della scienza si fa sentire più forte.
La seconda parte dell’ultimo rapporto dell’IPCC è stata definita “un atlante delle sofferenze umane”.
Che cosa significa essere attiviste e attivisti all’uscita da un pandemia che ha lasciato un mondo più fragile di prima? Cosa può portare Extinction Rebellion in questo momento storico?
Ci troviamo in un evento informale aperto a tutte le persone che vogliono conoscere meglio il movimento e a chi ne fa parte.
Ci troviamo per conoscerci, tra persone e realtà, e stare insieme
!
Evento di Casa del Quartiere, Extinction Rebellion Italia e Extinction Rebellion Torino Casa del Quartiere
https://www.facebook.com/events/375624704096649

SABATO 12 MARZO
ORE 10 presso Nuovo presidio NOTAV, loc. Baraccone, s.s.25, San Didero
MERCATO CONTADINO
https://www.notav.info/post/presidio-di-san-didero-appuntamenti-della-settimana/

ORE 10 SI Cobas Corso Palermo 60, Torino
CONFERENZA SULLA GUERRA IN UCRAINA CON I LAVORATORI
PER UN MOVIMENTO DI OPPOSIZIONE ALLA GUERRA IN TUTTI I PAESI DEL MONDO
… per preparare una manifestazione nella città di Torino, costruendo un movimento internazionale per fermare la guerra:
– l’Ucraina non deve finire come l’Afgahnistan, l’Iraq, la Siria, la Palestina, la Libia, lo Yemen, la Somalia…
– la popolazione ucraina sotto attacco non deve esser usata come carne da macello per gli interessi economici delle potenze imperialiste (Usa, Nato, Russia, paesi dell’Unione Europea, Cina)
– stiamo tutti pagando la guerra: da un lato peggiorano le condizioni di vita e di lavoro, dall’altro aumentano i prezzi dei beni di prima necessità
– scioglimento della Nato, fine dell’invio di armi al governo ucraino e delle sanzioni internazionali, ritiro di tutte le truppe dall’Ucraina,
solidarietà internazionalista con i giovani e i lavoratori che in Russia e negli altri paesi manifestano contro la guerra, ritiro di tutte le missioni militari italiane all’estero.
Evento di SI Cobas Torino
https://www.facebook.com/events/509803687430508?ref=newsfeed

ORE 10.30 Via Vittorio Andreis, 7, angolo via Borgo Dora, Torino
“NÉ CON LA RUSSIA NÉ CON LA NATO!”
PRESIDIO ANTIMILITARISTA ITINERANTE AL BALON
“Di fronte al conflitto in corso in Ucraina, che vede attualmente la Federazione Russa in fase d’attacco, riaffermiamo il nostro totale rifiuto degli imperialismi degli Stati e delle coalizioni contendenti, NATO e OTSC.
Le politiche di potenza degli Stati, i nazionalismi, le piccole patrie, sono solo paraventi per nascondere lo sfruttamento delle classi lavoratrici, delle risorse, dei territori.
Le ricadute di questa guerra sono estremamente gravi, in primis per le popolazioni civili
delle zone interessate che si trovano da anni in una situazione di conflitto e privazione materiale.
Ma questo conflitto riguarda anche lavoratori e lavoratrici di tutta Europa, che stanno già vedendo i loro redditi falcidiati dagli aumenti dei costi dell’energia e dei beni di prima necessità, nonché dal taglio della spesa pubblica sociale a beneficio dell’aumento delle spese militari…
Per questo facciamo appello a tutti coloro che si oppongono alla guerra a rafforzare e rilanciare la lotta contro la politica guerrafondaia del governo italiano, per creare un ampio movimento antimilitarista che sappia imporre il ritiro delle missioni militari all’estero.
La nostra posizione è quella del disfattismo rivoluzionario, della solidarietà, della fraternizzazione e della ribellione contro gli Alti Comandi di ciascuno Stato.
“TUTTE LE GUERRE CONTRO DI NOI
NOI CONTRO TUTTE LE GUERRE”
Assemblea Antimilitarista – Torino
Evento di Senza Frontiere
https://facebook.com/events/s/ne-con-la-russia-ne-con-la-nat/1005030253436520

ORE 15 Circolo Arci Risorgimento, Via Poggio 16, Torino
INCONTRO CON LAVORATORI GKN
Insorgiamo Tour in preparazione del corteo di Firenze del 26 marzo (VEDI INFRA)
https://www.facebook.com/coordinamentogknfirenze/videos/475709554030333/

ORE 15.30 capolinea del bus 75, linea tram 3, Piazzale Vallette, Torino
PRESIDIO SOLIDALE SOTTO IL CARCERE DI TORINO
CONTRO LA VIOLENZA DEL CARCERE LIBERTÀ PER TUTTE E TUTTI!
Portiamo la nostra solidarietà a Stefano Mangione, attivista NO TAV e non solo, e a tutti/e i/le detenuti/e!

https://gancio.cisti.org/event/presidio-solidale-sotto-il-carcere

ORE 17 Sala consiliare del Comune di Sant’Ambrogio
“IL CLIMA CHE CAMBIA L’ITALIA. VIAGGIO IN UN PAESE SCONVOLTO DALL’EMERGENZA CLIMATICA”
Roberto Mezzalama presenterà il suo libro dialogando con Alberto Poggio
GLI INCONTRI CON AUTORI E PRESENTAZIONI DI LIBRI PROPOSTI DA VALSUSA LIBERFEST in diverse città della Valle di Susa.
Eventi ad ingresso gratuito e organizzati nel rispetto delle vigenti disposizioni.
https://www.facebook.com/valsusa.filmfest/photos/a.1524248984523872/3285889275026492/

ORE 18.30 Piazza Castello, Torino
PEDALATA IN CITTÀ CONTRO LE MORTI DI LAVORO
“In Italia, solo nel 2021, sono morte 1404 persone di lavoro: più di tre al giorno!
Marco e Michele, due giovani rider genovesi, sono morti per ciò che da media e aziende viene definito come “incidente”…
I ritmi a cui ci costringono ogni giorno sono sempre più intensi e la sicurezza è la voce di spesa su cui le aziende sono sempre disposte a tagliare e le istituzioni a chiudere un occhio
.
Nella logistica, ad esempio, i chilometri che percorriamo nelle strade di una città che va sempre più veloce sono sempre di più e i tempi di consegna sempre più stringenti.
Feedback, punteggi, bonus e statistiche non sono altro che uno strumento delle aziende per spingerci ad andare sempre più veloci.
Un controllo continuo che porta a lavorare con un livello di stress sempre più elevato
Nella maggior parte delle piattaforme di food delivery ogni forma di tutela è ancora un miraggio e molti sono i e le rider che lavorano in nero per qualche pizzeria che riceve ordini tramite le app.
La malattia non è prevista e molti e molte rider sono costrette a lavorare in qualsiasi condizione pur di non perdere o diminuire il già ridicolo stipendio che riceviamo ogni mese…
“NON SI PUÒ MORIRE PER PORTARE DA MANGIARE E PER NON FARE PIÙ LA FAME!”
Evento di Deliverance Project
https://www.facebook.com/events/s/pedalata-in-citta-contro-le-mo/252433107091533/
VEDI INFRA DOMENICA: https://www.facebook.com/photo/?fbid=296865469203025&set=a.289193229970249

DOMENICA 13 MARZO
ORE 11 CSOA Gabrio, Via Millio 42, Torino
“NON CAMBIERÒ LAVORO. CAMBIEREMO IL LAVORO!”
“Partendo da alcune riflessioni nate dal contesto in cui lavoriamo e ci organizziamo, quello delle consegne di cibo a domicilio nella città di Torino, vogliamo provare ad approfondire, come questo settore stia evolvendo anche al di fuori dell’Italia e quali spazi possiamo trovare per ampliare le nostre lotte…
Vogliamo cercare e condividere pratiche e ragionamenti efficaci che ci consentano di non subire inermi sfruttamento, controllo e precarietà e con uno sguardo che non sia meramente locale analizzare i punti di forza e di debolezza della nostra controparte e delle nostre lotte.
Abbiamo immaginato un’iniziativa di confronto divisa in due parti.
UNA PRIMA PARTE
, che muovendo anche da fatti specifici – come i licenziamenti di Gorillas a Berlino e i recenti procedimenti disciplinari Just eat tra Torino e Monza – attraverso una lente più tecnica, approfondisca e stimoli, da un lato, il ruolo del supporto giuridico rispetto alle lotte di lavoratori e lavoratrici – anche in chiave di autotutela – dall’altro, faccia luce sulle possibili modalità di esercizio delle libertà sindacali e di sciopero.
UNA SECONDA E PIÙ AMPIA PARTE, invece, di confronto tra diverse esperienze di lotta nel settore del food delivery che, da Atene a Berlino, insieme ai e alle colleghe di quelle città, possa dare modo di condividere pratiche e immaginare rivendicazioni comuni…”
Evento di Deliverance Project e Csoa Gabrio
https://www.facebook.com/events/3573897172836989

ORE 14 al Barocchio Squat in Strada del Barocchio 27, Grugliasco (Bus 17 17/ 55 56 66 44)
“IL BAROCCHIO NON CHIUDE
… La domenica pomeriggio, dalle 14 in poi, le porte saranno aperte al confronto, alle nuove proposte di attività, iniziative in città, alla condivisione degli spazi di autoproduzioni e laboratori (serigrafia, officina, falegnameria, palestra, forgia),
alla cura del luogo attraverso azioni di manutenzione della casa e dell’orto, o anche solo allo svago e ai momenti di convivialità, per praticare insieme la realtà libertaria”.
https://barocchio.squat.net/11/11/il-barocchio-non-chiude/?fbclid=IwAR0ml0bltfeiS5KyVpBWcNTa8uts-8LY0bi0uUcJ3-5OUhr8y1WeTyVgWlA

LUNEDÌ 14 MARZO
ORE 16 Piazza Castello a Torino
ASSEMBLEA STUDENTESCA IN VISTA DEL CLIMATE STRIKE
“Siamo il futuro senza futuro, la generazione che dovrà pagare il prezzo di azioni di cui non siamo responsabili.
La crisi climatica è un problema che riguarda noi giovani in primo luogo
, mentre dalla classe politica è ancora vista come una questione lontana.
Eppure i suoi effetti si stanno già manifestando in tutto il mondo, Italia compresa, causando danni enormi alla nostra agricoltura e generando vittime ogni anno…
Quella che abbiamo di fronte è una vera e propria ingiustizia generazionale non diversa da quelle che abbiamo affrontato il mese scorso, quando moltissime scuole d’Italia sono state occupate e tanti studenti hanno fatto sentire la propria
voce, ognuno di noi ha diritto a un futuro dignitoso ed è il momento di riprenderselo!”
https://www.instagram.com/p/Ca5F5CXsASC/?utm_medium=share_sheet

MARTEDÌ 15 MARZO
ORE 17 al Campus Luigi Einaudi, davanti alla main hall, Torino
ASSEMBLEA E APERITIVO IN UNIVERSITÀ VERSO IL 25 MARZO
“Abbiamo deciso di lanciare questo momento di confronto e socialità perché come giovani studentesse e studenti sentiamo l’esigenza di discutere collettivamente sulle nostre prospettive future.
– Qual è il mondo in cui ci troveremo a vivere tra 5, 10, 30 anni?
– Quali sono le nostre ansie e le nostre paure rispetto ad esso?
– Come sfogare la nostra rabbia verso una classe politica
e un mondo adulto che non sembrano comprendere la gravità della crisi che dobbiamo affrontare e che ci stanno condannando a un futuro da incubo?
Cerchiamo di rispondere insieme a queste domande per incanalare la nostra rabbia in protesta, per riprenderci il nostro futuro!
Organizziamoci per partecipare come universitari allo sciopero per il clima del 25 marzo”.
SEGUIRÀ APERITIVO CON MUSICA
PS: porta un bicchiere riutilizzabile e fallo sapere a tutte le tue amiche e amici.
Evento di Fridays For Future Torino
https://www.facebook.com/events/1729089920755984/?ref=newsfeed

ORE 19 al nuovo presidio NOTAV, loc. Baraccone, s.s.25, San Didero
APERICENA a cura dei Comitati No Tav Bassa Valle
A seguire:
ORE 20 SOCIALITÀ NO TAV
https://www.facebook.com/Laboratorio-Civico-124342187593662/events/?ref=page_internal

ORE 21 al Mezcal Squat, Parco Certosa di Collegno
Chi non è pratico può trovarsi davanti alla Lavanderia a vapore a Collegno, in Corso Pastrengo 51 alle 21 circa, o alle 20.30 circa in Corso Francia angolo Corso Montecucco, lato farmacia.
ASSEMBLEA NO TAV organizzata da NO TAV Torino e Cintura, aperta a tutti, per discutere le prossime iniziative a Torino e in Val Susa.
Come sempre l’odg verrà deciso all’inizio della riunione.

ORE 20.30 presso il Centro Studi Sereno Regis in Via Garibaldi 13, Torino
QUANDO LO STATO FORZA I LIMITI DELLA LEGALITÀ
RELATORI:
– avv. Benedetta Perego
– avv. Gianluca Vitale
– avv. Alejandra Matamoros
– avv. Xavier Monge

Durante l’incontro proiezione dei VIDEO:
– PRIGIONIERI 27 FEBBRAIO. LO SAPEVATE CHE… (durata 5’ – Torino 2022)
– LA SOLIDARIETÀ È LA NOSTRA BARRICATA (durata 15’ – Catalunya 2021)
Incontro organizzato e fortemente voluto da:
Comitato 27 F di Torino, Comitato 27 F di Barcellona, Piattaforma Pablo Hasél Libero di Lleida, Piattaforma Pablo Hasél Libero di Milano.
SOLIDARIETÀ SENZA CONFINI CON I DETENUTI IN ATTESA DI GIUDIZIO DI BARCELLONA E CON PABLO HASÉL, RAPPER CONDANNATO PER REATI D’OPINIONE.
PER LA LORO LIBERAZIONE E PER LA LIBERTÀ DI ESPRESSIONE.
Link dell’evento: https://www.facebook.com/events/929849094317825/?ref=newsfeed

MERCOLEDÌ 16 MARZO
ORE 19 Nuovo Presidio No Tav di San Didero, loc. Baraccone, s.s.25, San Didero
APERICENA NO TAV A CURA DEL “NUCLEO PINTONI ATTIVI”
https://www.notav.info/agenda/nuovo-presidio-di-san-didero-iniziative-della-settimana/

SABATO 19 MARZO
ORE 17 alla Casa Aschieri di Bussoleno
“LA BIBLIOTECA DEI SUSSURRI”
Desy Icardi presenterà suo libro in dialogo con Tiziana Angilletta del Valsusa Filmfest.
INCONTRI CON AUTORI E PRESENTAZIONI DI LIBRI PROPOSTI DA VALSUSA LIBERFEST in diverse città della Valle di Susa.

Eventi ad ingresso gratuito e organizzati nel rispetto delle vigenti disposizioni.
https://www.valsusafilmfest.it/quando-i-film-si-fanno-libri/

DOMENICA 20 MARZO
ORE15 Regione Bronda 19/B, Saluzzo (Cuneo)
PRESENZA SOLIDALE SOTTO IL CARCERE DI SALUZZO
Musica e microfono aperto per i saluti
https://www.facebook.com/story.php?story_fbid=4728424160540864&id=100001199804653

VENERDÌ 25 MARZO
CLIMATE STRIKE – SCIOPERO GLOBALE PER IL CLIMA
ORE 10 Piazza XVIII Dicembre, Torino
“Il 25 marzo si terrà nella nostra città lo sciopero globale per il clima: un’altra volta torneremo a invadere le strade torinesi chiedendo azioni urgenti
per risolvere la crisi climatica ed ecologica, la più grande sfida del nostro secolo.

In un momento in cui sembra più che mai che gli interessi economici ed espansionistici siano gli unici a muovere la politica globale, è fondamentale scendere in piazza per chiedere un’azione collettiva urgente e unitaria, per una società diversa che vada verso la decarbonizzazione e la defossilizzazione, nonché verso una demilitarizzazione.
L’ultimo rapporto IPCC (Intergovernamental Panel of Climate Change) è chiaro: l’inazione porterà a rischi irreversibili, le mezze misure non sono più un’opzione…”
https://www.facebook.com/F4Fturin/photos/a.487488778464685/1066261423920748

2 marzo 2022 – Fridays For Future e collettivo GKN annunciano due giornate di mobilitazioni convergenti:
LO SCIOPERO GLOBALE DEL 25 MARZO PER LA GIUSTIZIA CLIMATICA E LA MOBILITAZIONE NAZIONALE “INSORGIAMO” DEL 26 MARZO A FIRENZE.
“Due giorni che sfidano ogni tentativo di contrapporre questione sociale e questione ambientale, e che si fondono idealmente in un’unica giornata di lotta.
La crisi climatica è una crisi del clima ma soprattutto delle relazioni determinate dall’essere umano.
È il risultato di uno sviluppo sociale che tutt’oggi altera e peggiora la vita delle persone, contaminando il loro rapporto con il lavoro
, la precarietà, la sanità, la mobilità, con l’ambiente e con la cura dell’altro.
È l’attuale modo di produzione e consumo ad essere inquinante, ed è dal suo cambiamento radicale che bisogna ripartire.
Le date di mobilitazione del 25 e 26 marzo sono esplicitamente collegate, nello spirito, nel programma e nella preparazione, dal fil rouge della
transizione ecologica e lavorativa.
E visto che non esiste processo più inquinante della guerra – per il suo impatto ambientale e per come ridefinisce le priorità economiche e sociali dei paesi – il 25 e 26 marzo non potrà che essere anche una scadenza di lotta contro la guerra.
“Non permetteremo mai più di giustificare delocalizzazioni, licenziamenti, precariato con la scusa della crisi climatica.
Né permetteremo di giustificare con la difesa dei posti di lavoro un rallentamento o una deviazione nella transizione ecologica e climatica”, affermano Fridays For Future e il Collettivo di Fabbrica GKN. “La transizione ecologica, se reale, deve misurare la propria efficacia anche sui tempi, e non è più concepibile alcun rallentamento.
Il pianeta è in fiamme, da ogni punto di vista, e ogni secondo sprecato è un crimine”…
https://fridaysforfutureitalia.it/fridays-for-future-e-il-collettivo-di-fabbrica-gkn-annunciano-due-giornate-di-mobilitazioni-convergenti-%ef%bf%bclo-sciopero-globale-del-25-marzo-per-la-giustizia-climatica-e-la-mobilitazione-naziona/

SABATO 26 MARZO
ORE 14.30 a Firenze (luogo da definire)
INSORGIAMO! MANIFESTAZIONE NAZIONALE GKN
“PER QUESTO, PER ALTRO, PER TUTTO”
“Il #26marzo sarà manifestazione nazionale.
Collettivo di fabbrica lavoratori GKN e Gruppo di Supporto “Insorgiamo con i lavoratori GKN” ci arrivano forti del miglior accordo possibile nel contesto dei rapporti di forza dato.
Un accordo che però siamo consapevoli essere ad oggi solo sulla carta e che potrà essere fatto rispettare fino in fondo solo dalla lotta:
la fabbrica ad oggi é ferma e la reindustrializzazione ancora incerta…
La nostra prospettiva ideale é quella di imporre questo livello di mobilitazione anche sul piano politico generale e così facendo riuscire a farsi norma generale e a dare forza a questa come a tutte le altre vertenze aperte sul territorio nazionale.
Il nocciolo della questione sono e rimangono i rapporti di forza.
Abbiamo compreso che per incidervi dobbiamo avere la capacità di stimolare e incentivare quella che abbiamo definito come convergenza
cioè l’aspirazione a non essere coincidenza, a non ritrovarsi soltanto come sommatoria di esperienze, ma tentare di trovare una sintesi possibile perché lo spazio politico, sociale e sindacale che abbiamo aperto si allarghi, diventi terreno calpestabile per tutti e tutte in termini di agibilità politica, legittimità e uscita dal minoritarismo in cui la controparte cerca sempre di ricacciarci…
Per questo chiediamo a tutte le realtà, le organizzazioni, le strutture, i collettivi, le RSU, i comitati e a tutte le esperienze politiche che convergeranno sul 26 marzo di rilanciare quella data, di divulgare il proprio appello e di farcelo pervenire direttamente all’indirizzo mail collettivo
gkn.firenze@gmail.com con oggetto “Piattaforma 26 marzo”.
Evento di Collettivo di Fabbrica – Lavoratori GKN Firenze e Insorgiamo con i lavoratori GKN Firenze
https://www.facebook.com/events/501718798004080

ALTRE INIZIATIVE SU:

https://gancio.cisti.org/
https://radioblackout.org/eventi/
https://www.facebook.com/radioblackout105250fm/

EVENTI CSA GABRIO:
https://gabrio.noblogs.org/
https://www.facebook.com/pg/csoa.gabrio/events/?ref=page_internal

EVENTI MANITUANA Laboratorio Culturale Autogestito:
https://www.facebook.com/ManituanaTorino/

 



AGGIORNAMENTI E RASSEGNA STAMPA

Ecco infine gli aggiornamenti su eventi della settimana appena trascorsa: AGGIORNAMENTI IN EVIDENZA (il pdf apre in nuova scheda).

Poi notizie su MISURE ANTICOVID, DIBATTITO E OPPOSIZIONE (il pdf apre in nuova scheda).

La rassegna stampa selezionata da Doriella e Renato per il periodo che va dall’ 1 al 9 marzo 2022, scaricabile in formato pdf da questo link: 10 marzo 2022 ALCUNI ALTRI SERVIZI TV, TG, QUOTIDIANI (il pdf apre in nuova scheda).

In chiusura, la pubblicazione di appelli e petizioni nazionali e internazionali, scaricabile in formato pdf da questo link: APPELLI E PETIZIONI (il pdf apre in nuova scheda).

Appuntamento alla prossima newslettera!

Vai alla newsletter Doriella e Renato precedente (dal 3 marzo 2022; il pdf apre in nuova scheda).