Doriella e Renato, newslettera 3 dicembre 2020: appuntamenti e documenti

La newsletter di DORIELLA E RENATO,
la pagina lunga,
arriva su Trancemedia.eu ogni settimana!
Da dieci anni aiuta chi la segue
a disintossicare le sinapsi
con un’agenda di movimento e rassegne stampa


DORIELLA E RENATO

La pagina lunga che vi dice tutto dal 3 dicembre 2020

Quarantacinquesima uscita su Trancemedia.eu – che dedica ogni settimana un “sotto il Moloch” per seguire online la newsletter di Doriella e Renato, con appuntamenti e iniziative di movimenti in tutta Italia.

Da dieci anni la newsletter di Doriella e Renato fa circolare l’informazione che non trova spazio sui media mainstream, o che da essi viene stravolta. Molti contenuti di Trancemedia.eu sono nati grazie a Doriella e Renato, appuntamenti, manifestazioni, dibattiti di cui non avremmo saputo nulla e che invece abbiamo potuto documentare o commentare.

Trovate qui sotto ogni settimana a partire dal giovedì un accurato calendario con data, luogo e contenuti di convegni informativi, presìdi per la lotta climatica e di solidarietà in concomitanza di processi contro chi resiste a grandi opere dannose, inutili e imposte a Torino e nel resto d’Italia, assemblee di movimento per l’auto-organizzazione, lotte dei lavoratori nelle fabbriche e nella logistica, proiezioni di film ‘invisibili’, eventi culturali.

Non potrete più dire: acc… se l’avessi saputo!

A seguire, troverete anticipazioni di future iniziative e il resoconto sintetico dei principali accadimenti delle settimane precedenti, commentati e corredati di link, per non perdersi neanche una puntata.

Infine, la preziosa rassegna stampa delle testate mainstream (ma non solo!) sui temi caldi della settimana criticamente commentati, nonché la pubblicazione di appelli e petizioni lanciate a livello nazionale ed europeo. La rassegna stampa è scaricabile in formato pdf al fondo dell’ultima sezione qui sotto.

Preparatevi a ‘scrollare’ verso il basso perché c’è davvero tanta informazione ben selezionata.

Buona lettura a tutte e tutti!

 

 

Chi si registra a Trancemedia.eu può usare la funzione Suggerimenti al fondo di ogni sezione per commentare, o proporre contenuti e collegamenti

 



QUESTA SETTIMANA

Manifestazioni NOTAV per 8 dicembre,
Maria Adelaide, lavoratori
dello spettacolo, Prati Parella,
Torino ecosolidale, Sbilanciamoci
e aggiornamenti

PROSSIME INIZIATIVE

NELLA PARTE “AGGIORNAMENTI IN EVIDENZA”: REPORT INIZIATIVE PASSATE

IN RASSEGNA STAMPA ALCUNI ALTRI SERVIZI TV, TG, QUOTIDIANI E APPELLI

MARTEDÌ 3 NOVEMBRE GIUSEPPE CONTE HA FIRMATO IL DCPM CHE È IN VIGORE FINO A GIOVEDÌ 3 DICEMBRE
http://www.governo.it/it/articolo/coronavirus-il-presidente-conte-firma-il-dpcm-del-3-novembre-2020/15617

NELLE PROSSIME ORE VERRÀ VARATO IL PROSSIMO DCPM CHE SARÀ IN VIGORE DA VENERDÌ 4 DICEMBRE

SEGUIRE SU: http://www.governo.it/it/il-governo

VEDERE IN RASSEGNA STAMPA ALLEGATA NOTIZIE SUL DIBATTITO IN CORSO TRA GOVERNO E REGIONI

MONITORAGGIO SETTIMANALE COVID-19, REPORT 16-22 NOVEMBRE

Con questo monitoraggio l’Istituto Superiore di Sanità, sulla base dei 21 indicatori analizzati con il ministero della Salute definiscono la collocazione delle Regioni nelle 3 zone di prescrizioni:

http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioNotizieNuovoCoronavirus.jsp?lingua=italiano&menu=notizie&p=dalministero&id=5196

VENERDÌ 27 NOVEMBRE IL MINISTRO SPERANZA FIRMA DUE NUOVE ORDINANZE PER LA RICLASSIFICAZIONE DI ALCUNE REGIONI E RINNOVO PER ALTRE

Le Ordinanze restano in vigore fino al 3 dicembre 2020.

AD OGGI MERCOLEDÌ 2 DICEMBRE LA RIPARTIZIONE DELLE REGIONI NELLE DIVERSE AREE È LA SEGUENTE:

– n° 7 in AREA GIALLA: Lazio, Liguria, Molise, Provincia autonoma di Trento, Sardegna, Sicilia, Veneto

– n° 9 in AREA ARANCIONE: Basilicata, Calabria, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Umbria

– n°5 in AREA ROSSA: Abruzzo, Campania, Toscana, Valle d’Aosta, Provincia Autonoma di Bolzano.

Ordinanza di riclassificazione: http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_notizie_5197_0_file.pdf

Ordinanza di rinnovo: http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_notizie_5197_1_file.pdf

http://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioNotizieNuovoCoronavirus.jsp?lingua=italiano&menu=notizie&p=dalministero&id=5197

MERCOLEDÌ 2 DICEMBRE IL MINISTRO SPERANZA NELL’INTERVENTO IN SENATO COMUNICA NUOVE MISURE per fronteggiare l’emergenza Covid: la diretta video

VIDEO Corriere della sera:

“… Fiducioso che presto l’indice Rt possa calare sotto 1, le misure stanno funzionando… Entro gennaio i primi vaccini gratuiti…”

https://video.corriere.it/ministro-speranza-comunica-nuove-misure-fronteggiare-l-emergenza-covid-diretta-video-dell-intervento-senato/b0c24d4c-3472-11eb-b1bc-a76a672bf85e

IN SINTESI LE RESTRIZIONI PER LE ZONE ARANCIONI E ROSSE:

NELLE ZONE ARANCIONI, oltre ad applicarsi il coprifuoco nazionale dalle 22 alle 5 (anche presente nelle ZONE GIALLE), è previsto anche il divieto di spostamento in entrata e in uscita dalla Regione e da un comune all’altro.

Chiusi bar e ristoranti, con l’eccezione dell’asporto (fino alle 22) e della consegna a domicilio.

La didattica a distanza viene prevista per le scuole superiori, chiuse le università.

NELLE ZONE ROSSE chiusi tutti i negozi ad eccezione di alcune categorie ritenute essenziali, vietato ogni spostamento anche all’interno del comune e in qualsiasi orario, se non per lavoro, salute o necessità.

NELLO SPACIFICO PER LE ZONE ROSSE il DPCM del 3 novembre vieta: “ogni spostamento in entrata e in uscita dai territori di cui al comma 1, nonché all’interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute” (Art 3, comma 4 a).

La contraddizione con l’Art 1 paragrafo i) dello stesso decreto che afferma: “lo svolgimento delle manifestazioni pubbliche è consentito soltanto in forma statica, a condizione che, nel corso di esse, siano osservate le distanze sociali prescritte e le altre misure di contenimento,…

QUESTA CONTRADDIZIONE È STATA OGGETTO DI PRESE DI POSIZIONE DI GIURISTI PER LA TUTELA DEI DIRITTI COSTITUZIONALI
APPELLO DELL’ECONOMISTA dopo l’appello di EMILIANO BRANCACCIO del 26 ottobre20 Micromega:

IL PARLAMENTO CANCELLI I PROVVEDIMENTI CHE VIETANO LE MANIFESTAZIONI DI PROTESTA”:
http://temi.repubblica.it/micromega-online/il-parlamento-cancelli-i-provvedimenti-che-vietano-le-manifestazioni-di-protesta-appello-di-emiliano-brancaccio/

INFINE LA POSSIBILITÀ DI SPOSTAMENTO È STATA CHIARITA DALLA CIRCOLARE DEL MINISTERO DELL’INTERNO DEL 7 NOVEMBRE, non evidenziata dai media, che afferma a pag 3-4 la possibilità di spostamento per PARTECIPARE A MANIFESTAZIONI STATICHE, comunicate alle Questure, con autocertificazione in cui è citato questo motivo.

https://www.interno.gov.it/sites/default/files/2020-11/circolare_dpcm_3_novembre.pdf

PER LA NOSTRA SALUTE INDISPENSABILE MIGLIORARE L’AMBIENTE L’ALIMENTAZIONE E LE DIFESE DEL NOSTRO CORPO

FACCIAMO PREVENZIONE!

CARATTERISTICHE DEI PAZIENTI DECEDUTI POSITIVI ALL’INFEZIONE DA SARS-COV-2 IN ITALIA: DATI AL 25 NOVEMBRE 2020

2. Dati demografici

L’età media dei pazienti deceduti e positivi a SARS-CoV-2 è 80 anni…

Le donne sono 21.035 (42,1%).

L’età mediana dei pazienti deceduti positivi a SARS-CoV-2 è più alta di oltre 30 anni rispetto a quella dei pazienti che hanno contratto l’infezione…

3. Patologie preesistenti

Questo dato è stato ottenuto da 5.592 deceduti per i quali è stato possibile analizzare le cartelle cliniche…

178 pazienti (3,2% del campione) presentavano 0 patologie,

702 (12,6%) presentavano 1 patologia,

1.036 (18,5%) presentavano 2 patologie

3676 (65.7%) presentavano 3 o più patologie…”

https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/bollettino/Report-COVID-2019_25_novembre.pdf

Ottobre 20 InformaSalus

COVID-19 LA SFIDA DELL’IMMUNITÀ INDIVIDUALE

Cemon (Presidio di Omeopatia Italiana) ha voluto invitare alcuni professionisti della salute a fornire il loro contributo sul tema COVID-19…

http://www.informasalus.it/it/articoli/covid-sfida-immunita-individuale.php

È POSSIBILE SCARICARE GRATUITAMENTE L’EBOOK DA QUESTO LINK:

http://cemon.eu/ebook/

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE, CHE COSA DICONO LE PROVE SCIENTIFICHE

Vaccinare in modo indiscriminato anziani, gravide, bambini e sanitari può risultare più dannoso che utile?

Alberto Donzelli, Daniele Agostini, Paolo Bellavite, Adriano Cattaneo, Piergiorgio Duca, Eugenio Serravalle. 2020 Giovanni Fioriti Editore s.r.l.

https://fondazioneallinearesanitaesalute.org/wp-content/uploads/Vaccinazione-antinfluenzale-che-cosa-dicono-le-prove-scientifiche-Ed.-Fioriti-giugno-2020.pdf

LA POSIZIONE DI ISDE ITALIA SULLA VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE:

ISDE Italia ritiene che:

– la motivazione addotta sia debole e basata su ipotesi non validate in modo adeguato(l’efficacia della vaccinazione si aggira tra il 30 e il 40%): inserire una variabile quale l’incremento della vaccinazione antinfluenzale potrebbe viceversa aumentare anziché diminuire il “rumore di fondo”, con il rischio che i vaccinati pensino, al sorgere di un po’ di febbre o al primo starnuto, di essere affetti da Covid19…”

https://www.isde.it/vaccinazione-antinfluenzale-la-posizione-di-isde-italia/

15 novembre 20 La Cura, Dott. Alberto Donzelli:

MASCHERINE ALL’APERTO, POSSONO NUOCERE.

Gli studi scientifici seri che evidenziano i rischi dell’uso inconsapevole delle mascherine”

VIDEO : https://www.youtube.com/watch?v=TFGFcZ9wTWg&feature=youtu.be

INTEVENTO MOLTO AMPIO SU COME AFFRONTARE LA SITUAZIONE SANITARIA:

5 novembre 20 La 7 Piazzapulita:

L’INTERVISTA DI CORRADO FORMIGLI AL GERONTOLOGO PROF. ROBERTO BERNABEI

Bernabei è primario di geriatria del Policlinico Gemelli di Roma e membro del Comitato Tecnico Scientifico  

https://www.la7.it/piazzapulita/video/lintervista-di-corrado-formigli-al-gerontologo-prof-roberto-bernabei-06-11-2020-348787

6 novembre 20 La 7 L’Aria che Tira:

MYRTA MERLINO AL GERIATRA ROBERTO BERNABEI:  

“MA È POSSIBILE CHE IL MONDO SI FA METTERE IN GINOCCHIO DA UNA MALATTIA CHE TU CONSIDERI NORMALE?”  

https://www.la7.it/laria-che-tira/video/myrta-merlino-al-geriatra-roberto-bernabei-ma-e-possibile-che-il-mondo-si-fa-mettere-in-ginocchio-da-06-11-2020-348803

L’INFORMAZIONE È SEMPRE TUTTA DA VERIFICARE

MEGLIO AVERNE MOLTA PIUTTOSTO CHE IL PENSIERO UNICO SPACCIATO PER VERO…

STANNO CIRCOLANDO MOLTI DOCUMENTI E VIDEO CHE AFFERMANO CHE C’È UN COMPLOTTO DIETRO ALLA PROPAGAZIONE DEL COVID-19 per interessi economici

NE RIPRODUCIAMO QUI DI SEGUITO ALCUNI

Secondo noi esiste piuttosto una lotta tra vari gruppi economici per utilizzare per i propri interessi la situazione non provocata, e quindi anche l’affermazione di un accordo preventivo tra tutti i grandi gruppi o addirittura tra gli Stati e addirittura tra USA e Cina che riteniamo molto improbabile.

Più facile come avevamo scritto nelle iniziali newslettere di marzo, che la Cina se ne sarebbe avvantaggiata contro gli USA per la maggiore centralizzazione politica e perché oggettivamente poteva uscire prima dall’emergenza riattivando la produzione e esportandola nei paesi in difficoltà, e gli ultimi dati lo confermano.

Giustamente quasi tutti gli interventi concludono che l’unica resistenza possibile è fatta da chi si oppone alle conseguenze della chiusura, anche se questo è difficile, ma noi qui ci proviamo cominciando a diffondere l’informazione alternativa, che è da verificare ma dà comunque elementi su cui riflettere.

12 novembre 20 Sonia Savioli su Byoblu:

COVID-19, I RETROSCENA PIU INQUIETANTI: CHI CI GUADAGNA?

di Emanuele Canta

È una “pandemia” che fa comodo a qualcuno? Chi trae vantaggio dalla crisi economica e finanziaria? Come è cambiata la nostra vita?

A queste domande ha risposto la scrittrice Sonia Savioli autrice del libro “IL GIALLO DEL CORONAVIRUS” nel quale svela dei retroscena inquietanti.
VIDEO: https://www.byoblu.com/2020/11/12/covid-19-i-retroscena-piu-inquietanti-chi-ci-guadagna-sonia-savioli/

I FATTI ACCENNATI DA SONIA SAVIOLI SONO RIPORTATI IN MODO MOLTO DETTAGLIATO IN QUESTO VIDEO SUCCESSIVO redatto da un’associazione sedicente cattolica,
VEDI
https://www.youtube.com/channel/UCMG01IRqrQxtCgkKrmj6szw/about
che si conclude rifacendosi a una predizione dell’Apocalisse e con un appello contro la Massoneria e l’élite “luciferina”.

Come soluzione invita a tornare alla Fede e a pregare San Michele Arcangelo!

10 novembre 20 Centro Culturale San Giorgio:

DA BILL GATES AI ROCKEFELLER, IL FUTURO CINESE DEL MONDO

VIDEO: https://youtu.be/gGCDQtkLygM

UNIAMO TUTTE LE LOTTE SINDACALI, AMBIENTALI, PER IL REDDITO, PER LA CASA E LA SALUTE, PER REPERIRE LE RISORSE ED EVITARE CHE PESI SULLE SPALLE DI TUTTI!

Volantino di Assemblea NOTAV Torino e cintura:

ANDRA’ TUTTO BENE SE…

NON PAGHEREMO LA CRISI…

STAI DALLA PARTE DI QUEL 10% DEGLI ITALIANI O DALLA PARTE DEL 90%? PENSIAMOCI!”

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=3530505903642889&set=a.198573540169492&type=3&theater

30 novembre 20 Attac:

RECOVERY FUND, È IL MOMENTO DEGLI AVVOLTOI

di Marco Bersani, Attac Italia

Se la pandemia ha insegnato qualcosa, la sospensione dei vincoli finanziari imposti da Maastricht in avanti e i conseguenti fondi messi a disposizione dal Recovery Fund dovrebbero servire ad un radicale cambio di rotta, provando a costruire, con tutti gli attori sociali, un grande piano di conversione ecologica, sociale e culturale, che metta al centro l’abbandono del modello liberista e la costruzione di una società della cura, di sé, dell’altr*, del pianeta e delle future generazioni…

Pur non ancora ufficializzato, il super-team che affiancherà il governo nella predisposizione del Recovery Plan, pare sarà costituito da sei amministratori delegati di società controllate dallo Stato: Claudio De Scalzi (ENI), Francesco Starace (ENEL), Marco Alverà (SNAM), Gianfranco Battisti (Ferrovie dello Stato), Alessandro Profumo (Leonardo-Finmeccanica) e Fabrizio Palermo (Cassa Depositi e Prestiti)…

Uomini, estrattivisti, guidati dal profitto: da qualsiasi punto di osservazione si guardi il mondo, scelta peggiore non potrebbe essere fatta.

A chi persevera nell’illusione che la pandemia sia solo una parentesi, occorre che le lotte consegnino un bagno di realtà: il futuro è troppo importante per lasciarlo agli indici di Borsa”

https://www.attac-italia.org/recovery-fund-e-il-momento-degli-avvoltoi/

20 novembre 20 seminario online Solidarietà Ambiente Lavoro del Veneto:

L’URGENZA DI UNA PATRIMONIALE SUI REDDITI ALTI

Sintesi degli interventi dei relatori intervenuti presentati da Paolo Benvegnù col prof Paolo Roberto Graziano dell’università Bocconi di Milano e dell’Università degli Studi di Padova e Gabriele Pillon dello Sportello sociale di Padova

VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=bc4XR3306sM

MOLTO INTERESSANTE E COMPLETO QUESTO LUNGO FILM DEL 2011 di Peter Joseph sull’economia attuale e il rapporto con la natura e le necessità umane:

SPIRITO DEL TEMPO. PROGREDIRE

(Zeitgeist, Moving Forward -Versione Italiana doppiata)

https://www.youtube.com/watch?v=n14_qX_NjRU&feature=youtu.be

Il Movimento Zeitgeist è nato negli USA nel 2009 da Peter Joseph e auspica la consapevolezza sociale, ampi concetti per un cambiamento socialeil più significativo dei quali è la transizione dalla corrente economica monetaria verso una società globale moderna e una economia basata sulle risorse…”

https://it.wikipedia.org/wiki/Peter_Joseph

PROSSIME INIZIATIVE PROGRAMMATE

GIOVEDÌ 3 DICEMBRE

ORE 9 al Tribunale di Torino, Via Borsellino/Corso Vittorio Emanuele 30, seminterrato ingresso 15. maxi aula 1

4° UDIENZA APPELLO BIS DEL MAXIPROCESSO NO TAV

per lo sgombero della Libera Repubblica della Maddalena 27 giugno 2011 e la giornata di resistenza del 3 luglio 2011.

ARRINGHE DEGLI AVVOCATI DIFENSORI

PER MEMORIA:

TGR del 12-DIC-2018 ore 19:30:

LA CORTE DI CASSAZIONE HA PUBBLICATO LE MOTIVAZIONE DELLA SENTENZA IN CUI AVEVA DISPOSTO UN NUOVO PROCESSO DI APPELLO per i fatti del 3 luglio 2011 al cantiere della Maddalena di Chiomonte

https://www.youtube.com/watch?v=MMULxc84oyk

ORE 13 – 14.30 sulle frequenze radiofoniche torinesi dei 105:250 FM di #radioblackout

e in streaming http://stream.radioblackout.org/

RADIO NO TAV

Va in onda ogni giovedì. Il programma ha origine come Radio Maddalena Libera, radio pirata che emetteva dalla Libera Repubblica della Maddalena, Val Susa, pianeta Terra.

Stralci dell’epoca potete sentirli nella sigla iniziale…

Ogni settimana approfondiamo avvenimenti di attualità sulla lotta e cerchiamo di socializzare tutte le informazioni utili a chi si batte contro il treno veloce, in Valsusa e altrove.

Sul sito potete trovare un buon archivio, ordinato tramite tag, con le registrazioni delle trasmissioni di questi ultimi anni…

Potete contattare la redazione al nostro numero 377 086 24 41 attivo durante il programma.”

https://gancio.cisti.org/

radioblackout.org/shows/radionotav/

ORE 17.30 – 19.30 Via Adelaide Aglietta 35, Torino

(ingresso principale Casa Circondariale Lorusso e Cotugno)

APARICION CON VIDA!”

PER DANA, E TUTT* I/LE DETENUT*

OGNI GIOVEDÌ DI OTTOBRE PRESIDIO PERMANENTE IN SOLIDARIETÀ A DANA E TUTT* LE VITTIME DELLA REPRESSIONE

Aparicion con vida !“ gridavano negli anni bui della dittatura argentina le Madri di Plaza de Mayo per chiedere la restituzione dei loro figli scomparsi.
“Aparicion con vida !” gridiamo noi oggi per chiedere la restituzione alla vita di Dana, di Nicoletta, di Eddi e di tutti i giovani e le giovani a cui la vita è stata sottratta da un regime che ogni giorno tradisce i valori democratici scritti nella nostra Costituzione…
La procura torinese sta abbattendo la sua mano pesante contro una parte di questa società, istituendo centinaia di processi, infliggendo il massimo della pena, rifiutando le pene alternative, utilizzando le misure cautelari come punizione preventiva e dissuasiva contro gli attivisti e le attiviste delle lotte sociali…
“Aparicion con vida!” è quindi anche il nostro grido per allertare che stiamo precipitando in anni bui, in cui il potere esecutivo e giudiziario sono coalizzati nella repressione delle voci del dissenso, che è il sale della democrazia.
ADERISCONO E SOLIDARIZZANO:

Madres Contra la Represión (Madrid), Collectif des Mères solidaires (Francia), R.I.M.A.F. Rete Internazionale delle madri Antifasciste, Madri Per Roma Città Aperta, Anpi Nizza Lingotto, ANPI “68 Martiri” Grugliasco, Haidi ed Elena Giuliani, Fomne contra’l TAV

Evento organizzato da Mamme in piazza per la libertà di dissenso”

https://www.facebook.com/events/157249366098671

DA VENERDÌ 4 DICEMBRE A MARTEDÌ 8 DICEMBRE

PER UN 8 DICEMBRE DI LOTTA E DI FUTURO”

– VENERDÌ 4 DICEMBRE ORE 18 ai cancelli della centrale di Chiomonte:

APERICENA
È passato un anno e molte cose sono successe. La pandemia ancora in corso di Covid-19, gli insulsi e falliti tentativi di allargamento del cantiere di Chiomonte, gli splendenti e ritrovati mulini della val Clarea e un’intensa estate di lotta…
Appena passata la prima ondata la priorità del governo Conte è stata quella di riprendere i lavori nel cantiere di Chiomonte
, ora in piena seconda ondata e con la sanità al collasso vorrebbero riprendere i lavori (lo scavo delle nicchie del tunnel geognostico, e l’allargamento del cantiere) e aprire un nuovo sito a San Didero…

Nonostante sia sul lato italiano che su quello francese i maggiori comuni interessati dall’opera siano contrari, sono stati addirittura destinati al Tav parti del Recovery Fund…
Come movimento No Tav non abbiamo intenzione di rimanere immobili a guardare questo ennesimo scempio ai danni della Val Susa e dell’Italia intera.
Perché immediatamente si blocchi l’inutile e devastante spreco di denaro pubblico verso un’opera inutile, economicamente insostenibile ed ambientalmente devastante.

A San Didero in vista del futuro cantiere per lo spostamento dell’autoporto da Susa dove vorrebbero costruire una faraonica stazione “internazionale” che pochi probabilmente useranno.

Chiediamo a tutte e tutti di mobilitarsi nonostante la difficile situazione della pandemia.
Avanti Notav! A sarà dura!”

VEDI INFRA ALTRE INIZIATIVE:

– SABATO 5 DICEMBRE, ORE 11, Torino, Piazza Castello:

PRESIDIO “CONTRO GLI SPRECHI DELLE GRANDI OPERE INUTILI, PIÙ RISORSE PER LA SANITÀ PUBBLICA”

– DOMENICA 6 DICEMBRE, ORE 14, al campo sportivo di Giaglione:

MANIFESTAZIONE STATICA

– MARTEDÌ 8 DICEMBRE, ORE 11, al Presidio di San Didero MANIFESTAZIONE STATICA

SEGUIRE AGGIORNAMENTI SU:

https://www.notav.info/post/per-un-8-dicembre-di-lotta-e-di-futuro/

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=3959693424065291&id=570955736272427

SABATO 5 DICEMBRE

ORE 10:30 davanti all’ospedale Maria Adelaide, Lungo Dora Firenze 87, Torino

RIAPRIAMO L’OSPEDALE!

Da mesi chi abita tra Vanchiglia, Borgo Rossini e Aurora esprime attraverso l’assemblea “RIAPRIAMO IL MARIA ADELAIDE” le sue priorità: solidarietà, salute e sanità pubblica.

La Regione Piemonte invece, che ha il potere di riaprire gli ospedali, preferisce aspettare che passi “l’emergenza” per tornare poi ad una normalità fatta di servizi tagliati e ospedali chiusi.

CHIEDIAMO:
1. La riapertura del Maria Adelaide come poliambulatorio territoriale;
2. Assunzioni di personale sanitario a tempo indeterminato;
3. Rispetto dei diritti e della sicurezza sul lavoro;
4. Ridiscussione dei criteri di accesso alle professioni sanitarie, attualmente limitato dal numero chiuso nazionale”.

Evento organizzato da Riapriamo il Maria Adelaide e Manituana – Laboratorio Culturale Autogestito

https://www.facebook.com/events/721582768790182

Ore 11 davanti al palazzo della Regione in Piazza Castello, Torino

CONTRO GLI SPRECHI DELLE GRANDI OPERE INUTILI, PIÙ RISORSE PER LA SANITÀ PUBBLICA.

MANIFESTAZIONE STATICA con mascherine, distanziamento sociale e tutte le precauzioni del caso

A Torino l’8 luglio tutte le autorità “competenti” hanno deciso per lo smantellamento dell’installazione alle OGR dopo soli 100 giorni di attività mentre era previsto dovesse essere smantellato non prima di dicembre.

Nel corso dell’estate Sindaca e Prefetto avrebbero dovuto individuare e dare il via ai lavori per una nuova sede, ma solo il 23 novembre viene realizzato l’ospedale da campo del Valentino, fatto di tende per quanto accessoriate in senso sanitario, in quello che è stato negli ultimi anni un parcheggio sotterraneo.

Ancora imprevidenza e sprechi, invece di pensare al riutilizzo delle strutture esistenti, come Valdese e Maria Adelaide, dove si progetta di costruire l’ennesimo studentato privato.

Con una situazione sanitaria del genere è inaccettabile che si continui a dislocare miliardi di euro per una nuova linea ferroviaria Torino Lione, spacciata per Alta Velocità, che dovrebbe entrare in funzione (forse) nel 2035 mentre l’attuale linea è già servita efficacemente da TGV francesi…

Anche la Corte dei conti europea ha pubblicato uno studio che dimostra con i dati raccolti l’insostenibilità economica ed ambientale del progetto Torino Lione!

UN VERO E PROPRIO CRIMINE CLIMATICO!…

RIVENDICHIAMO CON FORZA CHE I SOLDI CHE VORREBBERO SPENDERE IN QUESTO PROGETTO (circa 9 miliardi di euro per il solo tunnel) DEBBANO ANDARE INVECE A SOSTEGNO DEI PRESIDI SANITARI PUBBLICI, nel personale, nell’ assistenza medica territoriale e mettere una volta per tutte la parola fine a progetti inutili, dispendiosi e speculativi come questo che rubano risorse a settori essenziali per la vita delle persone.

Anche quest’anno, come tutti gli anni da quella data, MARTEDÌ 8 DICEMBRE ALLE ORE 11 ci sarà una manifestazione statica sul piazzale in località Baraccone sulla statale 25 del Moncenisio a San Didero in Val Susa, dove vorrebbero aprire un nuovo cantiere…”

Evento organizzato da NO TAV- Torino&Cintura: https://fb.me/e/1JKSKOHmt

ORE 15 Piazza Castello, Torino di fronte al palazzo della Regione Piemonte

MANIFESTAZIONE LAVORATORI DELLO SPETTACOLO

“… -Vogliamo che la Regione Piemonte mantenga la parola data pubblicando il bonus per lavoratori dello spettacolo intermittenti, subordinati e parasubordinati, fino ad oggi dimenticati dall’amministrazione regionale.

– Vogliamo da parte delle istituzioni nazionali risposte concrete. La soluzione sono riforme radicali del settore spettacolo, ad oggi un sistema lavoro precario e non tutelato.

– Serve essere ascoltati e serve pragmatismo perché stiamo di fatto assistendo ad un disastro sociale ed economico per il nostro comparto come per tutto il resto del Paese.

Vogliamo REDDITO, DIRITTI e TUTELE!

Invitiamo a partecipare tutte le figure lavorative legate allo spettacolo ed alla cultura ma non solo.

Chiediamo solidarietà e partecipazione alla società civile tutta, in particolare a coloro che quotidianamente apprezzano ed usufruiscono di cultura, spettacolo, televisione, radio, teatro, concerti, festival, rassegne, mostre ecc. e a coloro che come noi stanno subendo le terribili conseguenze di questa recessione.”

Vieni con la mascherina e tutti i d.p.i. necessari per la corretta riuscita dell’iniziativa
Evento organizzato da Lavoratori e lavoratrici dello spettacolo Piemonte, Professionisti Spettacolo e Cultura – Emergenza Continua

https://www.facebook.com/events/s/manifestazione-lavoratori-dell/355564192193803/

ORE 14:30 in Via Madonna delle Salette a Torino

GIORNATA DEL SUOLO A PARELLA: “RESTIAMO CON I PIEDI PER TERRA!”

Prima che ci tolgano la terra sotto i piedi

Vieni a vedere uno degli ultimi veri prati in città

Nella giornata mondiale del suolo (e in tutti gli altri giorni)

Abbracciamo il prato Parella

Senza la presenza e la volontà dei cittadini potrebbe cessare di esistere

Quando su un terreno vergine si getta cemento ci vogliono due secoli perché il suolo ritorni all’origine

Restiamo con i piedi per terra

Troviamoci insieme in un abbraccio con le nostre radici: terra, erba, piante

Continuiamo a respirare, e a sperare”

https://www.facebook.com/salviamoiprati

DOMENICA 6 DICEMBRE

ORE 10 – 12 in modalità online al link https://meet.google.com/hpa-yhxn-gkz

ASSEMBLEA PROGRAMMATICA DI TORINO ECOSOLIDALE

– Relazione introduttiva Torino EcoSolidale;

– Contributo Eleonora Artesio;

– Contributi Associazioni e Comitati;

– Dibattito e Conclusioni

IL NOSTRO APPELLO

REALIZZIAMO UNA CITTÀ SOSTENIBILE, EQUA E SOLIDALE”

https://www.torinoecosolidale.it/lappello

ORE 14 al campo sportivo di Giaglione:

MANIFESTAZIONE STATICA NOTAV

SEGUIRE AGGIORNAMENTI:

https://www.notav.info/post/per-un-8-dicembre-di-lotta-e-di-futuro/

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=3959693424065291&id=570955736272427

ORE 14 al Barocchio Squat in Strada del Barocchio 27, Grugliasco (Bus 17 17/ 55 56 66 44)

IL BAROCCHIO NON CHIUDE

La domenica pomeriggio, dalle 14 in poi, le porte saranno aperte al confronto, alle nuove proposte di attività, iniziative in città, alla condivisione degli spazi di autoproduzioni e laboratori (serigrafia, officina, falegnameria, palestra, forgia), alla cura del luogo attraverso azioni di manutenzione della casa e dell’orto, o anche solo allo svago e ai momenti di convivialità, per praticare insieme la realtà libertaria”.

https://barocchio.squat.net/11/11/il-barocchio-non-chiude/?fbclid=IwAR0ml0bltfeiS5KyVpBWcNTa8uts-8LY0bi0uUcJ3-5OUhr8y1WeTyVgWlA

LUNEDÌ 7 DICEMBRE

ORE 11 in diretta Facebook su https://www.facebook.com/sbilanciamoci/

SBILANCIAMOCI: PRESENTAZIONE ONLINE DEL RAPPORTO 2021

COME USARE LA SPESA PUBBLICA PER I DIRITTI, LA PACE, L’AMBIENTE.

Uscire dalla crisi con un’Italia in salute, giusta e sostenibile: tutte le proposte della Campagna Sbilanciamoci! per cambiare la Legge di Bilancio 2021…

Come ogni anno, il Rapporto delinea una manovra di bilancio alternativa rispetto a quella proposta dal Governo con il Disegno di Legge di Bilancio: da un lato il taglio delle spese militari e dei sussidi ambientalmente dannosi, dall’altro consistenti investimenti pubblici per il Green Deal, per la sanità e l’istruzione pubblica, per il lavoro e per un nuovo modello di sviluppo.

Interverranno i presidenti e i responsabili di alcune tra le 49 organizzazioni aderenti alla Campagna Sbilanciamoci!: ActionAid, Antigone, Arci, CNCA, Coordinamento Enti Servizio Civile, Fairwatch, FISH, Fondazione Banca Etica, Legambiente, Link, Lunaria, Rete della Conoscenza, Unione degli Studenti, Unione degli Universitari, WWF, Un Ponte per…
Parteciperanno anche il Sottosegretario all’Ambiente Roberto Morassut e il Sottosegretario all’Università e alla Ricerca Peppe De Cristofaro.

Il nuovo Rapporto Sbilanciamoci! sarà disponibile online per il download gratuito a partire dal 7 dicembre 2020 su www.sbilanciamoci.info.

https://sbilanciamoci.info/rapporto-sbilanciamoci-2021/

MARTEDÌ 8 DICEMBRE 

ORE 11 al Presidio di San Didero, in località Baraccone, sulla statale 25

(Posteggiare preferibilmente nella zona industriale di Borgone per chi viene da Torino e a Chianocco per chi viene dall’Alta Valle)

MANIFESTAZIONE STATICA NOTAV CON ASSEMBLEA

(Con mascherina, mantenendo le distanze, portarsi anche la sedia se si vuole restare seduti )

a seguire POLENTATA

(La polenta sarà garantita fino ad esaurimento scorte, si invita quindi a portare il cibo da condividere)

SEGUIRE AGGIORNAMENTI:

https://www.notav.info/post/per-un-8-dicembre-di-lotta-e-di-futuro/

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=3959693424065291&id=570955736272427

ORE 17 su Meet https://meet.google.com/oho-qnoi-bpi (valido per tutte le assemblee)

ASSEMBLEE DI FFF TORINO

(ogni martedì fino a quando non sarà sicuro vedersi di persona).

Tra i vari temi di cui parleremo ci saranno:

– #Recovery Fund;

– trasporto #pubblico;

– #elezioni comunali;

– lettera di FFF #Piemonte alla #Regione;

– e tanto altro!

Non sentitevi limitati dai temi proposti: c’è spazio per #nuove #idee e l’aiuto di #ogni #persona può essere determinante!

https://www.facebook.com/F4Fturin/photos/a.392800684600162/798164074063819/

SABATO 19 DICEMBRE

INIZIATIVA PUBBLICA ALL’APERTO in piena sicurezza:

LA TORINO CHE VOGLIAMO!”

(VEDI INFRA APPELLO)

https://www.facebook.com/LaTorinoCheVogliamo/photos/a.124851619434147/124852332767409/

ALTRE INIZIATIVE SU:

https://gancio.cisti.org/

https://radioblackout.org/eventi/

https://www.facebook.com/radioblackout105250fm/

EVENTI CSA GABRIO:
https://gabrio.noblogs.org/
https://www.facebook.com/pg/csoa.gabrio/events/?ref=page_internal

EVENTI MANITUANA Laboratorio Culturale Autogestito
https://www.facebook.com/ManituanaTorino/

PER AGGIORNAMENTI E DOCUMENTAZIONE NOTAV:
www.notav.info www.notavtorino.org
http://www.autistici.org/spintadalbass/?cat=2www.notav.eu www.notav-valsangone.eu
http://www.presidioeuropa.net/blog/?lan=2
https://www.notavterzovalico.info/
http://noterzovalico.wordpress.com/ www.ambientevalsusa.it
https://www.facebook.com/notavtorino.org/https://www.facebook.com/controsservatoriovalsusa/

ARCHIVI FOTOGRAFICI LUCA PERINO: http://lucaxino.altervista.org/

AGGIORNAMENTI IN EVIDENZA:

vedi anche su
TG Vallesusa
: http://www.tgvallesusa.it/?page_id=135

Facebook Festival Alta Felicità: https://www.facebook.com/festivalaltafelicita/

Attualità, Diario Tav, Libri, Dischi, X Files: www.mavericknews.wordpress.com

Centro di documentazione Invicta Palestina: https://invictapalestina.wordpress.com/

RETE Ambientalista – Movimenti di Lotta per la Salute, l’Ambiente, la Pace e la Nonviolenza

https://www.rete-ambientalista.it/

24 novembre 20:

PREOCCUPAZIONE DI AMNESTY INTERNATIONAL ITALIA PER LA SITUAZIONE ESPLOSIVA NELLE CARCERI ITALIANE

L’adozione del nuovo Decreto Ristori approvato il 28 ottobre ha reintrodotto nuove misure per contenere i contagi nelle carceri sulla linea di quelle di marzo, ma con effetti più limitati e che hanno permesso ad oggi un calo di poco più di 1.100 presenze.

A questi dati preoccupanti si aggiunge l’aumento costante del contagio da Covid-19, ormai riscontrato in più di 70 istituti penitenziari italiani.

Al 22 novembre, il numero di detenuti/e positivi/e al Covid-19 erano 809 (di cui 27 sintomatici e 16 ospedalizzati), con già alcuni decessi registrati in varie regioni.

Anche i contagi tra gli agenti e altri operatori penitenziari sono in continuo aumento, con 969 casi tra il personale della polizia penitenziaria e 73 tra il personale amministrativo e dirigenziale, secondo gli ultimi dati del Ministero della Giustizia…”

Amnesty International Italia ha aderito all’iniziativa promossa dall’associazione Antigone e da Anpi, Arci, Cgil, Gruppo Abele e alla lettera rivolta al governo e ai parlamentari della commissione giustizia di Camera e Senato, supportata anche da Acat, Ristretti, Conferenza Nazionale Volontariato Giustizia-CNVG, CSD – Diaconia Valdese, Uisp Bergamo e InOltre Alternativa Progressista.

Le misure proposte mirano a:

– La riduzione dell’affollamento e delle presenze numeriche in carcere, attraverso l’introduzione di misure alternative che proteggano soprattutto le persone vulnerabili e con problemi sanitari tali da rischiare aggravamenti a causa del virus Covid-19;

– La riduzione dell’isolamento dei detenuti, attraverso l’introduzione di alternative che permettano un contatto costante con le famiglie;

– La prevenzione del contagio e il sostegno allo staff penitenziario, anche rafforzando l’assistenza sanitaria negli istituti penitenziari…”

https://www.amnesty.it/situazione-esplosiva-carceri/

VENERDÌ 27 NOVEMBRE NASCE “LA TORINO CHE VOGLIAMO!”

Quest’estate, dopo 25 anni, ha avviato il suo iter amministrativo la Revisione del Piano Regolatore. La Giunta Appendino vorrebbe varare il Preliminare entro dicembre 2020.

Non è un semplice atto amministrativo, è ciò che disegnerà il futuro di Torino per i prossimi decenni e in primo luogo andrebbe discusso pubblicamente, coinvolgendo tutta la città.

L’attuale Amministrazione a guida M5S, in continuità con quelle a guida PD, ha invece coinvolto la cittadinanza a giochi fatti, dopo l’adozione della proposta di Revisione del PRG, con incontri ai quali risultava difficile, se non impossibile, accedere e preferendo sempre interloquire con le associazioni di categoria che rappresentano interessi privati: Collegio dei Costruttori, Confcommercio, Confesercenti, Confindustria, Federalberghi…

Il vecchio e il nuovo PRG mantengono ancora una visione esclusivamente impostata sul centro della città come unico luogo in cui investire soldi pubblici e attrarre il turismo, mentre i restanti quartieri, trasformati negli anni in un enorme periferia dormitorio, continuano ad essere abbandonati all’unica prospettiva della cementificazione e della speculazione edilizia.….. 

Vengono invece confermate le possibilità di consumo di suolo, con cui proseguirà la svendita del patrimonio pubblico a favore della cementificazione e di mega progetti speculativi come il Parco della Salute, il famoso ospedale di eccellenza da 450 milioni di euro, mentre rimangono chiusi (in piena crisi sanitaria) gli ospedali pubblici, si chiudono i pronto soccorso, i poliambulatori, le sale mediche per la prevenzione e la cura territoriale…

CI DIAMO QUINDI UN PRIMO APPUNTAMENTO PER IL 19 DICEMBRE, per dare vita ad una iniziativa pubblica all’aperto in piena sicurezza, un momento in cui si incontreranno i percorsi di lotta e resistenza a questa visione della città e che permetterà anche di presentare le Osservazioni al PRG elaborate dalle varie realtà…”

https://www.facebook.com/LaTorinoCheVogliamo/photos/a.124851619434147/124852332767409/

30 novembre 20 LETTERA APERTA DEL COMITATO “SALVIAMO I PRATI” alla sindaca Appendino, agli assessori Unia e Iaria, a tutti i consiglieri e le consigliere:

5 DICEMBRE “GIORNATA MONDIALE DEL SUOLO”

Quali sono le reali intenzioni dell’amministrazione pentastellata in merito al prato in Parella?

Stupisce, inoltre, il silenzio dell’Assessore all’Ambiente Unia (che secondo le indiscrezioni giornalistiche è in corsa per la poltrona di primo cittadino con l’Assessore Iaria), perché non si è mai espresso chiaramente sul futuro del prato.

Forse è troppo impegnato ad ascoltare le lamentele del comitato Parella Sud-ovest, comitato schierato, purtroppo, a favore del cemento.

Eppure le aree dismesse su cui costruire sono tantissime e il pratone di via Madonna della Salette è parte di un’area interessata da una imponente operazione di speculazione immobiliare, che spazzerà via gli ampi prati privati circostanti.

Il Comune spesso (e lo fa ampiamente anche nella revisione del PRG) parla di “resilienza”, “lotta ai cambiamenti climatici”, “riforestazione”, “tutela dell’ambiente”.

Obiettivi che di certo non sono realizzabili se non ci si pone come priorità la tutela degli ultimi terreni liberi della città.

Salvare il prato di Parella (11.000 mq) sarebbe estremamente facile per il Comune, che ne è proprietario e a cui basterebbe modificare la destinazione d’uso del terreno, rendendolo parco urbano.

La soluzione è anche poco costosa.

Sappiamo che è possibile piantare decine di specie arboree, realizzare vialetti, collocare panchine e lampioni, ad un costo decisamente basso. Restituendo agli abitanti uno spazio vitale”.

https://www.facebook.com/salviamoiprati/posts/671711446873765

VENERDI’ 27 E SABATO 28 NOVEMBRE I LAVORATORI ELPE-AMAZON HANNO SCIOPERATO A BRANDIZZO (TO) nel black friday:

I DIRITTI NON SONO IN SCONTO

MIGLIORI CONDIZIONI DI LAVORO E SICUREZZA.

Come corrieri, da oltre una settimana abbiamo richiesto alla Elpe un incontro per discutere e verificare la disponibilità ad affrontare le seguenti gravi problematiche, da tempo esistenti nel magazzino Amazon di Brandizzo:

– CONTRATTI DI APPRENDISTATO normalmente usati soprattutto per tenere bassi i salari e creare una condizione di ricatto verso i lavoratori che operano in modo autonomo (altro che apprendisti): devono esser eliminati e trasformati in REGOLARI CONTRATTI A TEMPO INDETERMINATO

– FRANCHIGIE ILLEGITTIME e SPROPOSITATE: devono trovare una regolare modalità applicativa che non metta sempre a rischio il già misero salario di chi si reca al lavoro per guadagnarsi da vivere

– TRASFERIMENTI ILLEGITTIMI e COMPORTAMENTI ANTISINDACALI da parte dei responsabili Elpe, in combutta con “sindacalisti” collusi e venduti per un tozzo di pane: devono cessare queste rappresaglie contro i lavoratori e la loro libertà sindacale

– FURGONI spesso FATISCENTI ai limiti della sicurezza per chi li deve guidare e pericolosi per gli altri sulle strade

– APPLICAZIONE PROTOCOLLO SICUREZZA COVID-19 attenta e precisa: “la vita dei lavoratori vale più di un pacco da consegnare”…

http://sicobas.org/2020/12/01/amazon-sciopero-dei-lavoratori-elpe-a-brandizzo-to-nel-black-friday-i-diritti-non-sono-in-sconto/

DOMENICA 29 NOVEMBRE SI È RIUNITA ONLINE LA “SECONDA ASSEMBLEA NAZIONALE DELLE LAVORATRICI E DEI LAVORATORI COMBATTIVI/E”

DI SEGUITO IL TESTO DELLA MOZIONE APPROVATA:

GETTARE IL CUORE OLTRE L’OSTACOLO

è quindi evidente che la risposta sindacale non può limitarsi a una mera difesa sul piano aziendale o di categoria, ma deve porre le basi di una controffensiva di massa, capace di parlare all’insieme della classe e di mobilitarla in nome dei suoi interessi generali: si pone cioè con sempre più evidenza la necessità di una risposta che rilanci le parole d’ordine storiche del movimento operaio (la riduzione generalizzata dell’orario di lavoro a parità di salario; una patrimoniale sulle grandi ricchezze; un salario medio garantito a occupati e disoccupati, eliminando contratti precari e paghe da fame; l’eliminazione del razzismo istituzionale)…

La seconda assemblea nazionale delle lavoratrici e dei lavoratori combattivi/e ribadisce quindi la necessità di innescare, sostenere e generalizzare le resistenze per la salute e la sicurezza, come ogni iniziativa di lotta delle aziende in crisi, dei precari e dei settori di classe colpiti dall’emergenza in corso.

Per questo, l’assemblea si propone di continuare ad attraversare ogni iniziativa settoriale, categoriale o territoriale di resistenza e di lotta.

In ogni caso, al di là di queste lotte e resistenze, si pone con sempre più evidenza la necessità di sviluppare un processo di generalizzazione delle lotte e quindi anche di sciopero generale, per contrastare l’offensiva padronale che ha un carattere generale sul fronte dei contratti, della scuola e della sanità come delle più generali politiche economiche del governo.

Per questo lancia a tutte le realtà di lotta, i delegati e le delegate, le organizzazioni sindacali conflittuali un appello per arrivare a costruire questa iniziativa di sCIOPERO GENERALE PER IL PROSSIMO 29 GENNAIO E A ORGANIZZARE IL GIORNO SEGUENTE, SABATO 30 GENNAIO, UNA MANIFESTAZIONE NAZIONALE DI LOTTA sulle parole d’ordine approvate dell’assemblea del 27 settembre…”

http://sicobas.org/2020/12/01/italia-seconda-assemblea-nazionale-dei-lavoratori-combattivi-gettare-il-cuore-oltre-lostacolo/

30 novembre 20 Comunicato di “MEDU – Medici per i diritti umani”:

FRONTIERA ALPINA TRA ITALIA E FRANCIA: NO ALLA REPRESSIONE DELLA SOLIDARIETÀ.

MEDU CHIEDE UN INTERVENTO UMANITARIO URGENTE

Medici per i diritti umani esprime solidarietà nei confronti dei due volontari fermati alla frontiera del Colle del Monginevro e accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e ribadisce la preoccupazione per l’aggravarsi della situazione lungo la frontiera alpina, attraversata quotidianamente da migranti che tentano di raggiungere il territorio francese.

Il 19 novembre scorso due volontari delle Associazioni Médecins du Monde e Tous Migrants sono stati arrestati dalla polizia francese durante mentre svolgevano attività di assistenza socio-sanitaria ai migranti con un’unità mobile. Il fermo è avvenuto mentre i volontari fornivano prima assistenza ad una famiglia di nazionalità afghana, in viaggio da circa tre anni, composta da una donna incinta all’ottavo mese, il marito e due figli di 10 e 14 anni.

I due volontari saranno giudicati dal Tribunale di Gap il prossimo 4 dicembre con l’accusa di avere favorito l’ingresso, la circolazione e il soggiorno di stranieri in condizioni di irregolarità sul territorio francese, con il presupposto di averli aiutati ad attraversare il confine a piedi.

In realtà, l’intervento umanitario svolto dall’unità mobile era regolarmente autorizzato e si stava svolgendo esclusivamente in territorio francese, nel quadro di specifici protocolli di assistenza siglati dalle associazioni…”

https://mediciperidirittiumani.org/frontiera-alpina-italia-franciamedu-intervento-umanitario-urgente/

Ottobre 20 Medu – Medici per i diritti umani:

RAPPORTO SULLA SITUAZIONE UMANITARIA DEI MIGRANTI IN TRANSITO LUNGO LA FRONTIERA NORD-OVEST TRA ITALIA E FRANCIA”

https://mediciperidirittiumani.org/medu/wp-content/uploads/2020/11/LEGGI-IL-RAPPORTO-COMPLETO.pdf

1° DICEMBRE 2020 – LETTERA APERTA DEL MOVIMENTO NO TAV:

8 DICEMBRE 2020: 15 ANNI DALLA LIBERAZIONE DI VENAUS

Nel ricordo sempre vivo del glorioso 8 dicembre 2005 anche quest’anno il Movimento No Tav sarà in piazza, secondo le regole imposte dalla Pandemia Covid-19, per confermare nel presente e nel futuro la lotta alla Torino-Lione, vero e proprio Crimine Climatico.

I quattro appuntamenti previsti, a partire dal 4 dicembre, a Chiomonte, a Giaglione, a Torino e San Didero, e il proseguimento del presidio dei Mulini testimoniano la vitalità e la forza del movimento, pronto a denunciare ancora una volta lo spreco delle risorse economiche pubbliche e la devastazione ambientale che la realizzazione della Torino-Lione provoca…

Il Governo ha già annunciato le Linee Guida per l’utilizzo dei 209 miliardi di € del pacchetto NextGeneration-EU destinati all’Italia (la Torino-Lione è compresa), ma non ha attivato alcun dibattito democratico nel Paese in grado di rispondere con equità ai bisogni delle cittadine e dei cittadini…

Sono indispensabili eque politiche di sostegno e di vero cambiamento.

Noi, Movimento No TAV, in questa situazione di drammatica emergenza sanitaria, affermiamo che è urgente utilizzare tutte le risorse disponibili per le seguenti finalità per il benessere collettivo:

– sostenere le persone in difficoltà economica,

– potenziare il sistema sanitario pubblico con adeguate strutture e personale,

– rafforzare il sistema educativo e formativo pubblico,

– potenziare il servizio di trasporto locale e realizzare una mobilità sostenibile,

– ricostruire i territori devastati dalle alluvioni, dalle frane e dai terremoti,

– accelerare la transizione ecologica creatrice di veri posti di lavoro.

Crediamo che vi sia l’obbligo etico di utilizzare tutte le risorse disponibili per dare urgenti risposte adeguate alle vere necessità della cittadinanza, tra le quali quelle derivanti dalla Pandemia Covid-19 e dall’emergenza climatica.

Siano fermati gli sprechi e la realizzazione delle Grandi Opere Inutili e Imposte come la Torino-Lione…”

Inviata a: Giuseppe Conte, Presidente del Consiglio dei Ministri, Roberto Gualtieri, Ministro dell’Economia, Paola De Micheli, Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Sergio Costa, Ministro dell’Ambiente, Ursula von der Leyen, Presidenta della Commissione europea, Paolo Gentiloni, Commissario all’Economia, Adina Vălean, Commissaria europea ai Trasporti, Virginijus Sinkevičius, Commissario europeo all’Ambiente, David Sassoli, Presidente del Parlamento europeo

http://www.presidioeuropa.net/blog/?p=23002

1 dicembre 20 Notav info:

STELLA AI DOMICILIARI, ANCORA PERSECUZIONI CONTRO I NO TAV

Da oggi anche #Stella sarà privata della sua libertà.

Questo pomeriggio le sono stati notificati gli arresti domiciliari per il processo “Oggi Paga Monti”, lo stesso per cui Dana è ancora in carcere, Nicoletta lo è stata prima, Fabiola è ai domiciliari e altr* 9 No Tav hanno ricevuto altre misure restrittive.

In quella giornata Stella distribuiva volantini che spiegavano le motivazioni del perché del rallentamento al casello della Torino-Bardonecchia.

Non ci stupisce che la Procura di Torino si sia accanita tanto per un volantinaggio, l’intento come sempre non è di punire per il reato commesso, bensì colpire le idee.

Anche perché le misure indicano esplicitamente che le è vietato ogni contatto con chi fa parte del movimento…

Mandiamo a Stella tutto il nostro sostegno e la nostra solidarietà e continueremo a lottare anche per lei”.

https://www.notav.info/post/stella-ai-domiciliari-ancora-persecuzioni-contro-i-no-tav/

 

 



RASSEGNA STAMPA

Ecco, in chiusura, la rassegna stampa selezionata da Doriella e Renato per il periodo dal 28 novembre al 2 dicembre 2020 (con la pubblicazione di petizioni nazionali e internazionali), scaricabile in formato pdf da questo link:
3_dic_20_ALTRI_SERVIZI_TV_QUOTIDIANI_E_APPELLI

(il pdf apre in nuova scheda)

Appuntamento alla prossima newslettera!

Vai alla newsletter Doriella e Renato precedente (dal 26 novembre 2020)