Ambientalismo, Zapatismo, NO TAV

PROSSIME INIZIATIVE PROGRAMMATE

CONTINUA LA MOBILITAZIONE CONTRO L’OCCUPAZIONE DELLE TERRE DEL PRESIDIO EX-AUTOPORTO A SAN DIDERO, per contrastare la preparazione del cantiere per costruire UN NUOVO AUTOPORTO e spostare quello attuale a Susa per lasciare il posto ad opere per la Nuova Linea Torino Lione.
SESTA SETTIMANA DI INIZIATIVE AL NUOVO PRESIDIO A SAN DIDERO!
(VEDI INFRA le iniziative in programma e in rassegna stampa / AGGIORNAMENTI IN EVIDENZA i report della resistenza NO TAV)
CONTROLLATE LE INIZIATIVE IN PROGRAMMA PRIMA DI PARTECIPARE E SEGUITE GLI AGGIORNAMENTI SU:
https://www.notav.info/post/presidio-di-san-didero-appuntamenti-della-settimana/
https://www.facebook.com/Presidio-ex-autoporto-di-San-Didero-106691468062035
https://www.facebook.com/notav.info

ASSEMBLEE INFORMATIVE NEI PAESI DELLA VALSUSA IN PREPARAZIONE DELLA MARCIA POPOLARE DEL 12 GIUGNO BUSSOLENO – SAN DIDERO
(VEDI INFRA)
organizzate dai comitati NO TAV, che saranno occasioni utilissime per fare il punto della situazione e confrontarsi insieme ai tecnici e alle amministrazioni No Tav:
VENERDÌ 28 MAGGIO, ORE 20.30, Piazza Martiri della Libertà (del Comune), BRUZOLO;
– SABATO 29 MAGGIO, ORE 17.30, Piazza del Sole, SUSA;
SABATO 5 GIUGNO, ORE 17, nel piazzale della scuola elementare in Via Guido Bobba 33, BORGONE
– DOMENICA 6 GIUGNO, ORE 17.30, arena davanti al municipio, CAPRIE;
GIOVEDÌ 10 GIUGNO, ORE 20.30, in Via Cesare Battisti alla piastra Polivalente “Luca Moletto”, CONDOVE.

GIOVEDÌ 3 GIUGNO
ORE 11.30 Nuovo Presidio No Tav di San Didero, loc. Baraccone, s.s.25, San Didero
APERIPRANZO NO TAV A CURA DEL GRUPPO “FOGLI DI VIA”
https://www.notav.info/agenda/nuovo-presidio-di-san-didero-iniziative-della-settimana/

ORE 13-14.30 sulle frequenze radiofoniche torinesi dei 105:250 FM di #radioblackout
e in streaming
http://stream.radioblackout.org/
RADIO NO TAV
“Va in onda ogni giovedì. Il programma ha origine come Radio Maddalena Libera, radio pirata che emetteva dalla Libera Repubblica della Maddalena, Val Susa, pianeta Terra.
Stralci dell’epoca potete sentirli nella sigla iniziale…
Ogni settimana approfondiamo avvenimenti di attualità sulla lotta e cerchiamo di socializzare
tutte le informazioni utili a chi si batte contro il treno veloce, in Valsusa e altrove.
Sul sito potete trovare un buon archivio, ordinato tramite tag
, con le registrazioni delle trasmissioni di questi ultimi anni…
Potete contattare la redazione al nostro numero 377 086 24 41 attivo durante il programma.”
https://gancio.cisti.org/
radioblackout.org/shows/radionotav/

ORE 17.30-19.30 Casa Circondariale Lorusso e Cotugno, via Adelaide Aglietta 35, Torino
PRESIDIO DI SOLIDARIETÀ A FABIOLA, A TUTTE/I LE/I DETENUTE/I E A TUTTE LE VITTIME DELLA REPRESSIONE
“APARICION CON VIDA !” per FABIOLA, tutte/i le/i detenute/i, EDDI E I/LE Giovani NO TAV e ANTIFASCISTI colpiti dalla repressione.
Aparicion con vida!“ gridavano negli anni bui della dittatura argentina le Madri di Plaza de Mayo per chiedere la restituzione dei loro figli scomparsi.
“Aparicion con vida!” gridiamo noi oggi per chiedere la restituzione alla vita di Dana, di Nicoletta, di Eddi e di tutti i giovani e le giovani a cui la vita è stata sottratta da un regime che ogni giorno tradisce i valori democratici scritti nella nostra Costituzione…
La procura torinese sta abbattendo la sua mano pesante contro una parte di questa società, istituendo centinaia di processi, infliggendo il massimo della pena, rifiutando le pene alternative, utilizzando le misure cautelari come punizione preventiva e dissuasiva contro gli attivisti e le attiviste delle lotte sociali.
La sproporzione tra condanne e gravità dei fatti è sempre più evidente e palese, come è altrettanto palese che l’apparato giudiziario torinese non stia svolgendo il suo ruolo di amministrazione della giustizia e della legalità ma sia diventata l’arma per punire e soffocare il dissenso…
Evento di Mamme in piazza per la libertà di dissenso
https://www.facebook.com/events/502333891201006/?ref=newsfeed

ORE 18 online con Facebook Live (guarda il video in diretta)
ASSEMBLEA VERSO LA CAROVANA AMBIENTALE PER LA SALUTE DEI TERRITORI
“… Per questo motivo abbiamo deciso di lanciare una “carovana ambientale per la salute dei territori” che attraversi le zone maggiormente colpite dai danni ambientali di produzioni nocive, grandi opere inutili e speculazioni per discutere con la popolazione, mettere in campo iniziative che indichino i problemi e le responsabilità, per incontrare i movimenti popolari che da anni si battono contro inquinamento e devastazione, contro il cambiamento climatico e le politiche ecocide che continuano a venirci proposte.
Una carovana per costruire, con i movimenti e i comitati, le premesse per affrontare le sfide della transizione ecologic
a e per intervenire con forza sulle scelte istituzionali di stanziamento dei fondi del NextGeneration EU.
Una carovana, quindi, che non si esaurisca nelle varie tappe, ma che apra la strada ai percorsi verso due appuntamenti cruciali per le politiche ambientali: la pre-COP di Milano, dal 30 settembre al 2 ottobre 2021, e la COP26 di Glasgow, dall’1 al 12 novembre 2021.
Crediamo che ritessere, riconnettere la ricchezza delle battaglie territoriali sia un passaggio fondamentale per attraversare questi summit con rivendicazioni chiare, forti e radicate e indurre le governance a farci i conti…”
Evento di Rise Up 4 Climate Justice
https://www.facebook.com/events/1733869123475544/

ORE 18.30 presso CSOA Gabrio, via Millio 42 – Torino
APERITIVO E PROIEZIONI BENEFIT CAROVANA ZAPATISTA
Cibo, socialità e visioni per conoscere la rivoluzione zapatista.
Aperitivo con proiezioni dei capitoli di “Ellas, las otras” e intervalli musicali

ORE 21: “CORAZON DEL TIEMPO”
Proiezione film in lingua originale con sottotitoli italiani
“Nominato per il Premio speciale della giuria al Sundance Festival nel 2009, il film è la storia di un amore che ci fa conoscere le passioni, i sentimenti, le scelte delle donne e degli uomini che dal 1° gennaio 1994 vivono e animano la rivoluzione zapatista”.
“ELLAS, LAS OTRAS”
“Il documentario è una raccolta delle testimonianze delle donne indigene che lottano per costruire un futuro giusto e dignitoso.
Organizzato dalla rete Piemonte Zapatista https://gancio.cisti.org/event/1424

ORE 20-22.30 presso il circolo Molo di Lilith, via Cigliano 7 – Torino
LA CENA DELL’ACQUA
SERATA CONVIVIALE DI DEGUSTAZIONE D’ACQUA (E NON SOLO)
(prenotarsi al n. 388 859 74 92 entro il 31 maggio, i posti sono limitati, ingresso tesserati ARCI)
“A dieci anni dal referendum sull’acqua pubblica, una cena per celebrare il nostro “oro blu”, risorsa preziosa e vitale, per la quale nel 2011 si mobilitarono comitati e cittadini, con un’imponente campagna di informazione e sensibilizzazione per allontanare le grinfie dei privati e restituirle la dignità di bene comune.
È necessario più che mai parlarne, tenere viva l’attenzione, domandarsi cosa sta succedendo dietro il rubinetto…”
IN PREPARAZIONE DELLE MANIFESTAZIONI DELL’11 E 12 GIUGNO
PER I 10 ANNI DAL REFERENDUM SU ACQUA PUBBLICA E NUCLEARE (VEDI INFRA)
https://www.molodililith.it/calendario/3632-si-mangia-311.html

VENERDÌ 4 GIUGNO
ORE 16 davanti alla Prefettura di Torino, in Piazza Castello
“IL CPR DI TORINO È UNA FERITA NELLO STATO DI DIRITTO”
MANIFESTAZIONE PER MOUSSA
Promossa da Asgi, Legal Team Italia, Giuristi Democratici, Osservatorio Carcere Piemonte Valle d’Aosta dell’Unione camere penali, Associazione Antigone, Adif, Api onlus, Strali, l’iniziativa è aperta a tutta la società civile e decine sono già le adesioni delle associazioni.
Qui di seguito il comunicato di lancio dell’iniziativa.
La morte di Moussa Balde, il 23 maggio, nei così detti “ospedaletti” del CPR di Torino
, ci interroga, come cittadini e come giuristi, su alcune fondamentali questioni in merito al trattamento oggi riservato ai migranti.
Moussa Balde è stato trattenuto al CPR e prima ancora è stato condotto presso gli uffici di polizia di Ventimiglia, perché cittadino straniero irregolare, subito dopo aver subito una selvaggia aggressione da parte di tre italiani, a Ventimiglia, il 9 maggio.
Per quanto noto in questa fase, la sua condizione di persona offesa è stata immediatamente dimenticata, a causa dell’irregolarità del suo soggiorno, e non gli era stata fornita alcuna delle informazioni conseguenti, quali, tra l’altro, la facoltà di presentare denunce o querele, il diritto di chiedere di essere informato sullo stato del procedimento, la possibilità di avvalersi dell’assistenza linguistica.
Gli è stato di fatto negato il diritto di partecipare al procedimento penale. Moussa Balde aveva anzi riferito di non avere neppure compreso che l’aggressione avesse generato delle indagini, che i suoi aggressori fossero stati identificati, né tantomeno sapeva che c’era un video che aveva ripreso quella aggressione (all’ingresso nel CPR i trattenuti vengono privati dei telefoni cellulari, benché la legge garantisca la libertà di comunicazione anche telefonica con l’esterno, e non hanno accesso ad internet)…”
Evento di Associazione Studi Giuridici Immigrazione, API ONLUS e StraLi
https://www.facebook.com/events/833236273945289/

RIPORTIAMO IL CORPO DI MOUSSA BALDE NELLA SUA TERRA, AI SUOI CARI!”
I versamenti andranno effettuati non più tardi di venerdì 11 giugno.
Causale: Per Moussa Rete Comuni Solidali /Banca Etica
IBAN: IT49G0501801000000011795150
“… Nel luogo in cui è stata tolta la vita a Moussa Balde, sulla porta invalicabile per i diritti e la dignità delle persone, cittadini in silenzio hanno posato un mazzo di fiori in suo ricordo.
Da qui, insieme ai suoi fratelli guineani, parte la raccolta di fondi per riportare il corpo di Moussa nella sua terra, alla sua famiglia; al padre Amadou, alla madre Djenabou che lo aspettano a Conakry. Nessun governo lo farà mai al nostro posto. I promotori della raccolta fondi e garanti del viaggio di ritorno del corpo di Moussa Balde:
Associazione Guineani residenti in Piemonte; Nakiri Comunità Guineana a Torino; Accoglienza Controvento; Carovane Migranti; LasciateCIEntrare; Mai più Lager – No ai CPR, Milano; Re.Co.Sol Rete Comuni Solidali; UPM – Ufficio Pastorale Migranti Torino”
Evento di CarovaneMigranti, Accoglienza ControVento
https://www.facebook.com/events/805265540377432/?ref=newsfeed

ORE 16.30 Giardini Reali, Corso S. Maurizio angolo Via Rossini, Torino
“SLUT WALK E ASSEMBLEA PUBBLICA: COSTRUIAMO IL FREE(K) PRIDE”
“Dopo l’aggressione di un compagna avvenuta sabato sera a Palermo…
Porta tutta la tua rabbia, indecorosità, brillantini e fischietti, pentole e tamburi! Per dire basta a tutte le aggressioni machiste e fasciste, squadriste
e omolesbobitransfobiche…
A seguire ASSEMBLEA PUBBLICA stesso posto, stessa ora, tutti i venerdì fino AL FREE(K) PRIDE DEL 10 LUGLIO! (porta il telo o la sedia che vorresti trovare!)
In caso di pioggia ci troviamo al Parco Dora, sotto la tettoia”.
https://www.facebook.com/events/315724593465144?ref=newsfeed

ORE 17.30-21 online (chiedere indirizzo a societadellacura@gmail.com)
ASSEMBLEA NAZIONALE DELLA SOCIETÀ DELLA CURA
“IL COMMISSARIO ALLA RIPRESA… SENZA CURA
Il Dl Recovery conferma, se ce ne fosse stato bisogno, che la via italiana d’uscita dalla pandemia calpesta la democrazia.
Con l’esca dei primi 25 miliardi in arrivo da Bruxelles – una goccia nel mare del disastro provocato dall’austerity, che porta la stessa firma degli attuali ‘salvatori’
– si comprano plauso e silenzi che pesano in un momento in cui, invece, ci si dovrebbe far forti di quella dignità che ci ha tenuto in piedi in questo anno e dire ‘no’ al commissariamento della ripresa, ‘no’ allo scippo del controllo democratico, parlamentare e sociale della progettazione, della realizzazione e della valutazione degli esiti di questo agglomerato di progetti tanto esaltante da essere stato tenuto ben nascosto fino a pochi minuti dal suo voto…
Noi, al contrario, crediamo che la lezione centrale che abbiamo imparato dalla pandemia è che da questa sindemia sistemica ne usciremo insieme, assumendoci la responsabilità della cura di noi stessi, del vivente e delle nostre istituzioni, territori, relazioni, o ne usciremo morti.”
https://www.facebook.com/societadellacura/photos/a.115436603647837/289798362878326/

ORE 17.30 in presenza, al pratone di Via Madonna della Salette, 12 – Torino
RIUNIONE APERTA – SALVIAMO IL PRATO DI PARELLA
per pensare come organizzare le prossime iniziative.
La riunione è aperta a chiunque sia interessato a preservare il grande pratone di Parella.
Evento di Salviamo i prati
https://www.facebook.com/events/531738151319176/?ref=newsfeed

VIENI A FIRMARE PER SUPPORTARE LA DELIBERA DI INIZIATIVA POPOLARE CHE CHIEDE DI RENDERE INEDIFICABILE IL PRATONE DI PARELLA.
Salviamolo tutte/i insieme.
SABATO 5 GIUGNO ORE 9.30 – ORE 13.30
davanti all’ipermercato IL GIGANTE Corso Marche 42 – int. 11
DOMENICA 6 GIUGNO ORE. 15.00 – 18.00
Parco della Pellerina ingresso principale Corso Appio Claudio – int. 110
https://www.facebook.com/salviamoiprati/photos/a.352501385461441/768479167196992/

ORE 18 presso nuovo presidio NO TAV, loc. Baraccone, s.s.25, San Didero
ASSEMBLEA NO TAV
https://www.notav.info/post/presidio-di-san-didero-appuntamenti-della-settimana/

ORE 20.30 al Cinema Massimo, Via San Massimo angolo Via Giuseppe Verdi – Torino
“3000 NOTTI” (3000 NIGHTS)
di Mai Masri – Palestina 2015, 103’, HD, colore, v.o. sott. it.
Il biglietto sarà acquistabile presso la biglietteria oppure online sul sito del Cinema Massimo.
Introduzione a cura di BDS Torino
“Cisgiordania, anni Ottanta. Layal è una giovane insegnante palestinese appena sposata, arrestata e rinchiusa in un carcere israeliano con l’accusa, falsa, di favoreggiamento al terrorismo.
Subito dopo Layal scopre di essere incinta e, nonostante le pressioni della direttrice del carcere e del marito, decide di tenere il bambino.
In quelle tremila notti in cui sarà detenuta, e tra le detenute palestinesi e israeliane, Layal imparerà il valore dell’amicizia, della solidarietà, della lealtà e della maternità.
Sono settecentomila i palestinesi finiti nelle carceri israeliane dal 1948 ad oggi. Sono seimila i palestinesi, uomini, donne e minori, attualmente detenuti. 3000 Notti è la storia di una di loro”.
Si chiude così il film 3000 notti, debutto nella finzione della documentarista palestinese Mai Masri
e amara riflessione sul destino dei palestinesi nella difficile convivenza con il popolo israeliano, che il gruppo BDS Torino (Boicottaggio Disinvestimento e Sanzioni) propone con una proiezione speciale”.
http://www.cinemamassimotorino.it/le-3000-notti-di-layal/

SABATO 5 GIUGNO
ORE 10 presso Nuovo presidio NO TAV, loc. Baraccone, s.s.25, San Didero
“COSTRUIAMO INSIEME IL PRESIDIO NO TAV DI SAN DIDERO”
“Intera giornata dedicata alla costruzione del nuovo presidio.
Per non dimenticare le buone e sane tradizioni montagnine, le papille gustative di tutti e tutte saranno allietate dall’ottima POLENTA in perfetto stile No Tav
.
Ricordiamo, quindi, di portare da casa piatto, bicchiere e posate.
https://www.notav.info/agenda/sabato-05-06-costruiamo-il-nuovo-presidio-no-tav-di-san-didero/
CI SARÀ SEMPRE ANCHE IL MERCATO CONTADINO
https://www.notav.info/post/presidio-di-san-didero-appuntamenti-della-settimana/

ORE 10.30 Via Paolo Borsellino 17B, Torino
PRESIDIO DAVANTI A TELT: “RESISTIAMO A CHI AMMALA E CHI INQUINA”
VERSO LA MARCIA POPOLARE DEL 12 GIUGNO
… La ripresa dei lavori nel cantiere della Val Clarea la scorsa estate, dopo quasi 3 anni di inattività, così come i 50 milioni di euro investiti nel nuovo cantiere per costruire un nuovo Autoporto a San Didero, che già esiste a Susa (che vogliono spostare per lasciare posto a una nuova stazione e dove pensano anche di mettere la terra da scavo del tunnel tossica e inquinante), sono il segno evidente che le sole priorità del nostro governo sono quelle di fare l’interesse di gruppi di aziende a discapito della popolazione che in un momento così difficile si è ritrovata a dover affrontare questa situazione senza alcun tipo di aiuto.
Per queste ragioni il 12 Giugno torneremo a marciare insieme da Bussoleno a San Didero, paese che verso la metà di aprile è stato completamente militarizzato per lo sgombero violento del presidio nato sui ruderi di un vecchio autoporto abbandonato da 30 anni dove ora sono iniziati i lavori del nuovo cantiere.
Telt che costruisce questa opera è responsabile e diretto mandante della militarizzazione della Val di Susa e della fortissima repressione a cui è sottoposto il movimento No Tav
; della devastazione ambientale, della fauna e della natura; dell’inquinamento e delle fortissime ripercussioni che questo ha sulla salute dei cittadini della Valle.
Contro tutto questo non possiamo più rimanere fermi: è ora di mobilitarsi!…
SABATO 12 GIUGNO, ALLE ORE 14, saremo in Piazza Cavalieri di Vittorio Veneto (Piazza del Mercato), A BUSSOLENO, PER LA MARCIA POPOLARE NO TAV!
A sarà dura, si ma per loro!”
Evento di NO TAV – Torino&Cintura
https://fb.me/e/DMupu5Kl?ti=wa

ORE 10.30 al Giardino Nicola Grosa, davanti al grattacielo San Paolo, Corso Vittorio angolo Corso Inghilterra, Torino
“BICICLETTATA PER LA GIORNATA DELL’AMBIENTE!”
Organizzata da Fridays For Future Torino
“Partiremo alle 10.30 dal giardino Grosa davanti al grattacielo e arriveremo verso le 13.00 al Parco del Valentino, attraversando alcuni luoghi simbolo dei problemi ambientali della nostra città, tra cui:
Piazza Baldissera, luogo simbolo dell’inquinamento atmosferico asfissiante che a Torino uccide oltre 900 persone ogni anno e riduce l’aspettativa di vita di due anni per ogni abitante del Piemonte!
Porta Palazzo, dove i ragazzi del mercato salvacibo recuperano il cibo invenduto e lo consegnano a chi ne ha bisogno.
All’arrivo della biciclettata mangeremo tutti insieme al parco, per cui portati il pranzo al sacco!
Scendi in piazza insieme a noi per la Giornata mondiale dell’Ambiente!
Facciamo vedere ai nostri politici che la crisi climatica ed ecologica deve essere affrontata subito, senza esitazioni!…”
https://www.facebook.com/events/346653506894413?ref=newsfeed

ORE 16 (il link per seguire la diretta sarà disponibile il giorno dell’evento sul sito in fondo.
Successivamente, il video rimarrà visibile on demand sempre sul sito)
LA SOCIODEMIA: DIAGNOSI E CURA DELLE CONSEGUENZE SOCIALI DELLA PANDEMIA
c
on Enrico Giovannini, Fabrizio Barca ed Elena Granaglia.
Modera Luca De Biase
“I lockdown decisi per contenere la velocità del contagio e ridurre i picchi di ricoveri in ospedale hanno generato conseguenze profonde nella struttura sociale del paese.
Hanno allontanato ancora di più i ceti inclusi nelle dinamiche dell’economia della conoscenza e quelli che si trovano ai margini del modello di sviluppo attuale.
Hanno colpito essenzialmente le donne dal punto di vista dell’occupazione, facendo fare un passo indietro ai temi di genere nella società italiana.
Hanno peggiorato le condizioni dei giovani da ogni punto di vista: dalla scuola all’accesso al lavoro. Che cosa si può fare ora?”
https://www.biennaletecnologia.it/tempi-difficili/lezione-11-la-sociodemia-diagnosi-e-cura-delle-conseguenze-sociali-della-pandemia
11a lezione del Ciclo organizzato dal Politecnico di Torino:
“TEMPI DIFFICILI
MAPPE PER ORIENTARSI NELLA PRIMA PANDEMIA DEL XXI SECOLO”
TUTTI I SABATI FINO A SABATO 5 GIUGNO
https://www.biennaletecnologia.it/comunicati/tempi-difficili-mappe-orientarsi-nella-prima-pandemia-del-xxi-secolo
LOCANDINA PROGRAMMA:
https://www.biennaletecnologia.it/sites/default/files/inline-files/Locandina%20Tempi%20difficili_A3.pdf 

ORE 16 alle Zattere a Venezia
“INDIETRO NON SI TORNA, FUORI LE GRANDI NAVI DALLA LAGUNA!”
“Avrebbe potuto essere un pesce d’aprile il decreto legge 1 aprile 2021, n. 45 – in via di trasformazione in legge al Parlamento senza modifiche – che con una mano indica come soluzione definitiva l’estromissione delle Grandi Navi dalla Laguna (confermando quindi quanto il Comitato afferma e chiede da quasi 10 anni) e dall’altra CONCEDE IL PASSAGGIO DEI GIGANTI DEL MARE VIA SAN MARCO E CANALE DELLA GIUDECCA FINCHÈ VERRÀ APPRONTATA LA SOLUZIONE IN MARE…
Mentre i danni provocati dall’incidente in marittima del 2019 sono ancora ben visibili,
quando l’arrivo di decine di migliaia di turisti nei due weekend trascorsi dimostra l’incapacità dell’amministrazione nella gestione oculata dei flussi turistici mordi e fuggi, dovremmo assistere all’arrogante ritorno dei condomini galleggianti?
Anche no, grazie.
Sabato 5 giugno, dopo quasi un anno e mezzo di blocco per effetto della pandemia da coronavirus, riparte la croceristica: alle 17.00 partirà dalla Marittima la MSC Orchestra per una crociera in Adriatico,
percorrendo il Canale della Giudecca e uscendo dalla Bocca di porto del Lido.
Torniamo a manifestare tutte e tutti per Venezia, la nostra città, per l’ecosistema, la salute e per un Canale della Giudecca tornato ad essere navigabile a remi!…”
Evento di Comitato Nograndinavi
https://www.facebook.com/events/513474606675462/?ref=newsfeed

DOMENICA 6 GIUGNO
ORE 14 al Barocchio Squat in Strada del Barocchio 27, Grugliasco (Bus 17 17/ 55 56 66 44)
“IL BAROCCHIO NON CHIUDE
La domenica pomeriggio, dalle 14 in poi, le porte saranno aperte al confronto, alle nuove proposte di attività, iniziative in città, alla condivisione degli spazi di autoproduzioni e laboratori (serigrafia, officina, falegnameria, palestra, forgia), alla cura del luogo attraverso azioni di manutenzione della casa e dell’orto, o anche solo allo svago e ai momenti di convivialità, per praticare insieme la realtà libertaria”.
https://barocchio.squat.net/11/11/il-barocchio-non-chiude/?fbclid=IwAR0ml0bltfeiS5KyVpBWcNTa8uts-8LY0bi0uUcJ3-5OUhr8y1WeTyVgWlA

ORE 14.30 al CSOA Gabrio Via Millio 42, Torino

CON SANTE NEL CUORE”

Durante la giornata verrà realizzato nel giardino del Csoa Gabrio un MURALES DEDICATO A SANTE, a cura del collettivo 26×1 in collaborazione con il Gabrio.
La realizzazione verrà accompagnata con letture di brani e poesie di Sante Notarnicola, musica e la proiezione del documentario “DALLE BELLE CITTÀ DATE AL NEMICO”.
“Si è spento il 22 Marzo, all’età di 82 anni nella sua casa di Bologna, Sante Notarnicola, bandito, poeta e comunista.
Nato nel profondo Sud, Sante arrivò a Torino a 13 anni con una valigia di cartone
, come tanti giovani prima e dopo di lui, in quella metropoli del boom economico che prometteva speranze e sogni al meridione, ma che realizzava solo miseria, sfruttamento e fumi delle industrie.
Ed è proprio in Barriera di Milano, casa di operai e quartiere storico delle lotte e delle fabbriche, che Sante decise di lottare, fino alla fine
…”
https://gancio.cisti.org/event/1426

MARTEDÌ 8 GIUGNO
ORE 18 al nuovo presidio NO TAV, loc. Baraccone, s.s.25, San Didero
APERICENA a cura dei Comitati No Tav Bassa Valle
https://www.notav.info/post/presidio-di-san-didero-appuntamenti-della-settimana/

ORE 18 al Barocchio Squat Garden a Grugliasco, Strada del Barocchio, 27
“CONTRO L’ARTE E GLI ARTISTI:
18° incontro in presenza di controlezioni di storia dell’arte:
FUTURISTI ITALIANI E RUSSI
A seguire:
TAPAS BELLAVITA
https://fenixoccupaalvolo.noblogs.org/
https://www.facebook.com/carla.libera.7/events

ORE 20.30 al Palanotav di Bussoleno in Via Valter Fontan
ASSEMBLEA POPOLARE NO TAV
PER IL LANCIO DELLA MARCIA NO TAV BUSSOLENO-SAN DIDERO DI SABATO 12 GIUGNO (VEDI INFRA)
Sito:

https://www.notav.info/post/marcia-popolare-no-tav-assemblee-informative-nei-paesi-della-valsusa/

Facebook:
https://www.facebook.com/570955736272427/posts/4461779853856643/

ORE 21 in modalità online (chiedere il link scrivendo a latorinochevogliamo@gmail.com o con un messaggio sulla pagina Facebook entro le 21 della sera stessa)
“LA TORINO CHE VOGLIAMO
RIUNIONE ORGANIZZATIVA E DI AGGIORNAMENTO
per valutare gli esiti dell’assemblea del 29 maggio e le prospettive di iniziative conseguenti.
VEDI I PROSSIMI APPUNTAMENTI:

https://latorinochevogliamo.blogspot.com/p/calendario.html?fbclid=IwAR2TWMlQXv6ucWkCr2UDgJ8P6tiMOathVv1bktaNpJSMRRqUDNbOg9HnUho
AGGIORNAMENTI:
https://latorinochevogliamo.blogspot.com/
https://www.facebook.com/LaTorinoCheVogliamo

MERCOLEDÌ 9 GIUGNO
ORE 18 Nuovo Presidio No Tav di San Didero, loc. Baraccone, s.s.25, San Didero
APERICENA NO TAV A CURA DEL “NUCLEO PINTONI ATTIVI”
https://www.notav.info/agenda/nuovo-presidio-di-san-didero-iniziative-della-settimana/

VENERDÌ 11 GIUGNO
ORE 16.00 Piazza San Carlo, Torino
“BENI COMUNI, ACQUA E NUCLEARE: INDIETRO NON SI TORNA!”
FLASH MOB che si concluderà sotto la Prefettura, dove lasceremo il nostro messaggio:
“A 10 ANNI DAL REFERENDUM, NO ALLE PRIVATIZZAZIONI, PER UN RECOVERY PLAN DEI DIRITTI E PER UN FUTURO ECOCOMPATIBILE”
https://www.acquabenecomunetorino.org/index.php/articoli/124-notizie-nazionali/1595-12-13-giugno-2011-2021-referendum-acqua-e-nucleare-se-10-anni-vi-sembran-pochi

SABATO 12 GIUGNO
ORE 15.30 Piazza Esquilino, Roma
MANIFESTAZIONE NAZIONALE PER I BENI COMUNI
“A dieci anni dal referendum su acqua e nucleare quella vittoria brucia ancora!
A 10 anni dalla vittoria referendaria l’acqua è ancora sotto attacco.
Draghi sta provando con il PNRR a portare avanti le stesse privatizzazioni di allora,
la finanza globale è sempre più spregiudicata nel fare profitto su questo bene comune mentre la crisi climatica impone una sempre più urgente inversione di rotta per la sua conservazione.
In questo anno è stato ancora più chiaro che l’acqua è la prima cura e che senza diritti fondamentali la nostra società è sempre più fragile.
L’acqua è di tutte/i, e sta a tutte/i difenderla!”
https://www.acquabenecomune.org/notizie/nazionali/4064-roma-12-6-manifestazione-nazionale-per-i-beni-comuni

SABATO 12 GIUGNO
ORE 14 Piazza Cavalieri di Vittorio Veneto (piazza del mercato), Bussoleno
MARCIA POPOLARE NO TAV VERSO SAN DIDERO
“È ORA DI REAGIRE!!!
È ora di tornare a far sentire la nostra voce con i tecnici e con gli amministratori, una voce di un popolo contrario alla distruzione della Valle, dell’ecosistema, della Natura
e delle nostre scarse finanze alimentate sempre, e non scordiamocelo, dalle nostre tasse, con il taglio dei servizi: dalla sanità alla scuola, dalla mobilità locale alla ricerca…
DIMOSTRIAMO ANCORA UNA VOLTA CHE LA VALLE C’ERA, C’È E CI SARÀ. SEMPRE.
… Che non accettano la finta di fare una ferrovia per togliere i TIR dalle strade e regalare alla SITAF un nuovo autoporto per aprire anche la seconda canna del traforo autostradale del Frejus
e spostare attraverso la Valle di Susa anche il traffico che oggi passa per il traforo del Monte Bianco.
NON PERMETTEREMO CHE CI RUBINO IL FUTURO!!!
Il nostro futuro, ma soprattutto il futuro dei nostri figli e delle generazioni future con un’opera che non avrà mai un saldo positivo di emissioni di CO2,
che nel momento più delicato di svolta per migliorare il clima e salvare il Pianeta riversa nell’aria milioni di metri cubi di veleni oggi, raccontando la favoletta che domani andrà meglio.
È ORA DI DIRE BASTA!
Ognuno deve assumersi le proprie responsabilità e deve mettersi in gioco in prima persona. Domani potrebbe essere tardi. MOBILITIAMOCI!!!
Dicono che l’opposizione al TAV, alla distruzione della Valle, ad un nuovo autoporto a San Didero in sostituzione di quello di Susa che deve far posto allo smarino delle gallerie, non c’è più.
Che tutti sono favorevoli al grande saccheggio delle casse dello Stato
per foraggiare i soliti ben noti: dai Gavio (SITAF) a TELT, dalla ‘Ndrangheta che ci mette la manovalanza, a qualche piccolo im-prenditore locale che pensa di lucrare le briciole segando il ramo su cui è seduto!
SCENDIAMO ANCORA IN PIAZZA E MANIFESTIAMO TUTTI QUANTI CONTINUANDO A LOTTARE PER DIFENDERE LA NOSTRA TERRA”.
https://www.notav.info/post/sabato-12-06-marcia-popolare-no-tav/
https://www.notav.info/post/sabato-12-giugno-marcia-popolare-no-tav/

DOMENICA 13 GIUGNO
ORE 10 al Presidio NO TAV di Venaus
“RIPRENDIAMOCI IL FUTURO: LOTTE TERRITORIALI AI TEMPI DEL COVID-19
ASSEMBLEA POPOLARE aperta ai movimenti, ai comitati, ai collettivi e a chiunque si ponga le nostre stesse domande su un futuro diverso necessario, su un futuro diverso possibile.
“… Oggi nuove sfide ci attendono, la crisi pandemica si sta ormai trasformando da tempo in crisi sociale e i governi paiono più interessati a tornare a riempire le tasche delle lobbies del cemento e del tondino, degli imprenditori falliti di questo paese, piuttosto che pensare ad i bisogni dei più fragili, di lavoratori e lavoratrici, di chi è stato in prima linea in questa fase di pandemia, di chi si è trovato a vivere in solitudine questi lunghi due anni.
La famigerata transizione ecologica di cui il governo Draghi si sta riempiendo la bocca non è altro che una sverniciata di verde sui soliti processi di devastazione ambientale, estrattivismo e sfruttamento, puro soluzionismo tecnologico, imposto manu militari che non farà che provocare un ulteriore approfondimento della catastrofe ambientale…
Ancora una volta solo la lotta dal basso può costruire un mondo diverso in cui non sia messa in pericolo la nostra sopravvivenza, in cui si estingua lo sfruttamento dell’uomo sulla natura e dell’uomo sull’uomo…”
https://www.notav.info/post/riprendiamoci-il-futuro-lotte-territoriali-ai-tempi-del-covid-19-assemblea-13-06-presidio-di-venaus/

ALTRE INIZIATIVE SU:

https://gancio.cisti.org/
https://radioblackout.org/eventi/
https://www.facebook.com/radioblackout105250fm/

EVENTI CSA GABRIO: https://gabrio.noblogs.org/
https://www.facebook.com/pg/csoa.gabrio/events/?ref=page_internal

EVENTI MANITUANA Laboratorio Culturale Autogestito
https://www.facebook.com/ManituanaTorino/

AGGIORNAMENTI E DOCUMENTAZIONE NO TAV:
www.notav.info www.notavtorino.orghttp://www.autistici.org/spintadalbass/?cat=2
www.notav.euwww.notav-valsangone.eu – http://www.presidioeuropa.net/blog/?lan=2
https://www.notavterzovalico.info/www.ambientevalsusa.it
https://www.facebook.com/notavtorino.org/https://www.facebook.com/controsservatoriovalsusa/

ARCHIVI FOTOGRAFICI LUCA PERINO: http://lucaxino.altervista.org/